ticinolibero
Cronaca
22.03.18 - 21:570
Aggiornamento : 21.06.18 - 14:17

"Era solo un divertimento". Nei guai l'unico responsabile dei botti nel Bellinzonese: è anche accusato di furto, danneggiamento e violazione di domicilio

Il procuratore pubblico Capella ha ceduto l'incarto alla collega Pedretti che lo stava già indagando per i tre reati, cui si aggiungono disturbo alla quiete pubblica, infrazione alla legge federale sulle armi e sugli esplosivi. Acquistava i petardi in Italia e li riassemblava per avere botti più potenti

BELLINZONA – È stato al centro delle discussioni per settimane, a Bellinzona. Provocava botti che tenevano col fiato sospeso gli abitanti di diverse zone, durante la notte. E lo faceva per puro e semplice divertimento.

Questo è emerso dall’inchiesta a carico del 19enne fermato a inizio marzo per i botti nella zona. Il giovane è l’unico colpevole: malgrado abbia indicato diversi nomi di conoscenti, essi, interrogati, hanno mostrato di non avere niente a che fare.

Un divertimento senza secondi fini (si era pensato a rabbia o vendetta) che può costare caro al ragazzo, che  è accusato di disturbo della quiete pubblica, danneggiamento, infrazione alla legge federale sulle armi e sugli esplosivi. Acquistava, a quanto pare, i petardi in Italia e li assemblava per far sì che i botti fossero più potenti.

Intanto si è scoperto che Pamela Pedretti aveva già aperto un procedimento penale per furto, danneggiamento e violazione di domicilio.

Ha ammesso le sue responsabilità ed è stato affidato ai servizi sociali. 
TOP NEWS Attualità
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile