ticinolibero
Cronaca
03.11.18 - 13:470

Miliardo di coesione, Chiesa all'attacco di Caprara: "Il disegno è chiaro. Si chiama adesione all’Unione europea"

Il consigliere Nazionale UDC critica il presidente del PLR dopo che quest'ultimo aveva difeso il senatore PPD Filippo Lombardi

di Marco Chiesa*

Il presidente del PLR, Bixio Caprara, a sorpresa, scrive un articolo sul Corriere del Ticino di sostegno a favore del senatore PPD che è stato decisivo per l’autorizzazione del versamento di miliardo di coesione senza alcuna contropartita: "La Svizzera non può permettersi di fare la voce grossa" dice Caprara.

Non sono sorpreso della sua posizione, è la posizione classica del PLR anche a Berna. Un complesso di inferiorità che ad ogni occasione è orgogliosamente ribadito.

Nel 1992, sentendo queste persone e i loro partiti, avremmo dovuto fallire se non avessimo votato lo Spazio economico europeo, nel 2009 avremmo perso la faccia e gli affari con gli arabi se avessimo votato contro l’edificazione dei minareti, oggi ci autodistruggeremmo se daremo la priorità rispetto alla nostra Costituzione.

L’autodeterminazione non è proprio nelle corde di questi rappresentanti del popolo.

Il disegno è chiaro. Si chiama adesione all’Unione europea. Oggi lo nascondono ben bene ma continuano a ossequiare Bruxelles basti pensare a come hanno sovvertito le decisioni del popolo riguardo alla libera circolazione delle persone. Hanno trasformato i contingenti, i tetti massimi e la preferenza indigena nell’obbligo di notificare i posti di lavoro agli uffici di collocamento dove anche i frontalieri possono iscriversi. Un sabotaggio indecente con il pretesto che la Costituzione è secondaria rispetto al diritto internazionale e che non potevamo irritare i nostri amici europei.

Il Popolo può esprimersi, lo dicono sempre, ma poi loro non lo ascoltano e correggono le sue decisioni.

Per me è fondamentale non indebolire la nostra democrazia diretta e ribadire forte e chiaro che chi è sovrano in Svizzera sono le cittadine e i cittadini non la “classe politique” che vorrebbe convincerci di potersi prendere cura di noi meglio di quanto possiamo fare noi stessi!

*Consigliere Nazionale UDC

TOP NEWS Attualità
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile