ticinolibero
Cronaca
10.09.19 - 09:450

Bosia Mirra torna in aula. "La legge è come una legnaia, non ha emozioni, è scritto codificata, ordinata"

Al via il processo d'appello contro l'ex deputata. "Vi ringrazio sin d’ora per mantenere un atteggiamento corretto nei confronti della Corte e delle forze dell’ordine, così come è stato durante il primo procedimento"

LOCARNO - Oggi si apre il processo di appello a carico di Lisa Bosia Mirra, per l'ormai nota vicenda dei clandestini aiutati a entrare illegalmente in Svizzera. L'ex deputata socialista fu fermata al valico di Stabio, ma si venne a sapere che aveva aiutato altre persone: nel 2016, diede una mano a 24 tra siriani e eritrei, facendo in cinque occasione da staffetta e dando una mano a livello logistico in altre quattro. 

In primo grado nel 2017 è stata condannata a una sanzione pecuniaria sospesa di 80 aliquote giornaliere e a una multa di 1.000 franchi.

Sui social, l'altro giorno, Bosia Mirra ha parlato del processo, paragonando la legge a una legnaia.

"Chi mi conosce sa che una delle cose che amo fare quando arriva l’autunno è la legnaia. Mi piace che dal disordine iniziale, con un paio d’ore di lavoro (per questa è bastata una mezz’oretta) si crei un armonioso deposito di calore pronto ad essere usato. Le legnaie sono belle, alcune sono vere e proprie opere d’arte", ha scritto.

"Vi scrivo però per ringraziarvi collettivamente dei numerosi messaggi di incoraggiamento che mi raggiungono in questi giorni di attesa. Vi ringrazio tutti, per chi volesse assistere l’udienza è martedì, è pubblica, il tribunale d’Appello è a Locarno in Via Pace, e si inizia alle 9:30", ha proseguito.

"Vi ringrazio sin d’ora per mantenere un atteggiamento corretto nei confronti della Corte e delle forze dell’ordine, così come è stato durante il primo procedimento. Porto nel cuore anche tutti voi che mi scrivere che non potrete venire e vi preoccupate per me. State sereni, ho buoni amici, un avvocato preparato e sono serena. Per quanto vi siano implicate emozioni e talvolta il destino delle persone, un procedimento penale, mi pare di aver capito, è una cosa tecnica. La legge non ha emozioni, può essere interpretata certo, ma è scritta, codificata, ordinata. Proprio come una legnaia", ha concluso. 

1 anno fa "Una giornata dura, ma ho imparato a resistere, a sorridere e ad aprire la porta di casa e del cuore anche nei giorni tristi". Lisa Bosia Mirra dopo la condanna
1 anno fa Il Partito socialista sta con Lisa Bosia Mirra. "La condanna non disinora la sua persona". E lei fa ricorso
1 anno fa "Ci sono delle leggi, e non possono essere violate nemmeno per persone in difficoltà. Devo capire se posso accettare questo". Bosia Mirra per ora non si dimette
1 anno fa "Comprendo lo spirito di Bosia Mirra, ma le lodi si fermano a Como". La deputata condannata
1 anno fa "Lisa, capisco che tu non abbia avuto scelta. Trent'anni fa portai due famiglie curde in Ticino, e non mi sono mai pentita. Mi colpì il film di Koller, di un bambino abbandonato dai passatori..."
1 anno fa Il processo a Bosia Mirra. "Ho provato ad aiutarli in modo legale, poi... Mi auguro sempre di non incontrare persone bisognose per strada, non credo riuscirei a non fermarmi"
1 anno fa L'arringa contro Bosia Mirra. "Si giudicano le azioni, non le idee. Era a capo dell'organizzazione, sapeva che quanto stava facendo era illegale"
1 anno fa "Ci fossero più persone come Bosia Mirra. Davanti al dramma di Como molti hanno chiuso gli occhi". Il legale cala due assi
Potrebbe interessarti anche
Tags
bosia mirra
codificata
legnaia
mirra
bosia
legge
emozioni
primo
appello
processo
TOP NEWS Attualità
© 2019 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile