ticinolibero
Cronaca
12.01.20 - 14:020
Aggiornamento : 23:11

Lutto nel giornalismo ticinese: è morto Marco Zucchi

Il popolare giornalista della RSI è scomparso a soli 49 anni. Il commuovente ricordo di Maurizio Canetta: "Notizia che lacera il cuore"

COMANO - Addio a Marco Zucchi. Il popolare giornalista ticinese, che per anni ha raccontato il cinema alla RSI, è morto oggi a soli 49 anni. Da tempo, come si legge sul sito della radiotelevisione pubblica, combatteva contro una malattia subdola che si è rivelata incurabile.

Marco Zucchi aveva esordito 20 anni fa ai microfoni di Rete 3. Negli anni la sua grande passione per il grande schermo lo aveva portato a diventare coordinatore del centro di competenze cinema della RSI. Da una decina di anni seguiva per noi regolarmente tutti i festival principali, da Venezia Berlino, da Cannes a Locarno.

“Dover dire addio a un collega che ancora non ha 50 anni - ha scritto su Facebook Maurizio Canetta - è straziante. Marco Zucchi è morto questa mattina e quando ho visto sullo schermo del telefonino la chiamata di sua moglie Enrica Alberti - collega di Rete Uno - ho dovuto fare i conti con una notizia attesa, ma che ha aperto una lacerazione nel cuore. Non ci può essere preparazione di fronte a una cosa del genere”.

“Marco - ha aggiunto Canetta nel suo commuovente ricordo del collega - ha cominciato a Rete Tre, poi ha raccontato il cinema in ogni modo possibile, in radio, in televisione, sul web. Lo ha fatto per passione e questo lo portava ad andare con entusiasmo alle prime dei grandi film internazionali come sui set dei nostri film svizzero italiani e svizzeri, che ha sempre curato e seguito con affetto e dedizione. Ho lavorato in diverse occasioni con lui e ho sempre visto nei suoi occhi la fiammella del piacere di fare quel che stava facendo, in qualunque contesto, in ogni situazione”.

“Da qualche anno - ha concluso Canetta - la salute lo tormentava, ma appena riusciva, buttava all’aria tutto per venire a lavorare, a progettare, a preparare contributi per le colleghe e i colleghi di ogni rete radiofonica, del web, della televisione. L’anno scorso ha condotto in porto la produzione dei programmi sul Festival di Locarno. Non è stato semplice per lui. Ma tutti i giorni ha diretto la redazione e si è speso in prima persona. Come non sarà semplice per le colleghe e i colleghi che domani vedranno la scrivania vuota. E come soprattutto sarà difficile per Enrica spiegare alla piccola Margherita che il suo papà non è partito solo per un festival all’estero. Non la consoleranno mai abbastanza le nostre parole che ricorderanno una persona limpida e di valore. Ciao Marco, che la terra ti sia lieve”.

TOP NEWS Attualità
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile