ticinolibero
Cronaca
02.09.20 - 14:500
Aggiornamento : 16:16

Nessuno ha dimenticato Sturn. Sabato a Lugano una passeggiata contro l'eutanasia sugli animali sani

"Lugano a 4 zampe" ha deciso di dedicare la sua edizione 2020 al cane che con la sua vicenda ha scosso un intero cantone. "Vogliamo che dalla sua storia nasca qualcosa di positivo"

LUGANO – Chi ama gli animali non ha dimenticato Sturn, il cane preso da un canile italiano, addirittura da parte di una volontaria dello stesso centro, per essere soppresso qualche tempo dopo perché abbaiava. Il cane era cieco e sordo ma non vi erano veri motivi medici per giustificare l’eutanasia. La sua vicenda ha indignato, scatenato rabbia e tristezza, ispirato un’iniziativa cantonale e una petizione.

I suoi occhi, le immagini di un cane felice prima di essere portato in quella casa che avrebbe dovuto garantirgli un futuro radioso e invece glielo ha spento, sono davanti agli occhi di tutti. E “Lugano a 4 Zampe”, che dal 2014 richiama migliaia di appassionati, sarà dedicata al suo ricordo.

“Sull’onda della vicenda di Sturn, il 23 luglio scorso le deputate Sabrina Aldi e Tamara Merlo hanno promosso un’iniziativa cantonale con l’intentodi vietare l’eutanasia di animali da compagnia sani. Successivamente Nadia Parise, Stéphanie Castiglioni Scatizza, (Forza Rescue Dog) e Nash Pettinaroli (Animalife Ticino) hanno lanciato una petizione a sostegno dell’iniziativa cantonale presentata in Gran Consiglio dalle due deputate”, si legge in una nota inviata in redazione.

“Non abbiamo dimenticato Sturn e dalla sua vicenda vogliamo che nasca qualcosa di positivo”. Per questo sabato 5 settembre alle ore 16 nel cuore del Parco Ciani a Lugano, prenderà il via una passeggiata di sensibilizzazione attraverso le vie della Città con gli amici a 4 zampe. (in caso di maltempo, la passeggiata è rinviata al giorno successivo, domenica 6 settembre, ore 16).

Per gli organizzatori, deve essere “una passeggiata per cambiare la legge: vogliamo che l'eutanasia di animali da compagnia sani sia vietata. Vogliamo far sentire la nostra voce e dare il nostro sostegno all’iniziativa cantonale. Alle bancarelle sarà possibile firmare la petizione, che ha già raccolto firme online. Sono molto numerose le associazioni e i gruppi che hanno aderito a questo evento, che gode del patrocinio della Città di Lugano”

A causa delle misure anti Covid, che impongono un massimo di 300 persone alla manifestazioni, l’iscrizione, tramite il sito, è obbligatoria.

Allegati
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Attualità
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile