ticinolibero
Cronaca
14.11.20 - 09:000
Aggiornamento : 16.11.20 - 16:05

Il Covid a Cuba. "Hanno un terzo dei morti del Ticino su 12 milioni di abitanti. Ma tutti portano la mascherina e chi è positivo va in ospedale"

Franco Cavalli è in Sudamerica per lavorare al vaccino. "Qui conta salvare vite umane a qualsiasi costo, da noi domina invece il voler salvare l'economia. E noi siamo ricchi, loro poveri. C'è da vergognarsi"

CUBA - Franco Cavalli si trova a Cuba, con lo scopo di dare una mano ai locali contro il Covid e accertarsi della situazione relativa al vaccino. E attraverso i social racconta la sua esperienza, paragonandola a quella ticinese.

"Hanno chiesto alla società che presiedo di collaborare per trovare il vaccino", spiega, aggiungendo che si dilungherà sul tema a tempo debito.

Ma vuole sottolineare le differenze tra Cuba e il Ticino. "I loro risultati sono straordinari : con quasi 12 milioni d'abitanti. Hanno un terzo dei morti del solo Ticino:130 in tutta Cuba. Ma lo sforzo di prevenzione (non ho ancora vista una sola persona in strada senza mascherina) è enorme: persone a rischio protette, persone positive anche se non sintomatiche ospedalizzate preventivamente, persone forse contagiate visitate 1/2 volte al giorno a casa dal medico", racconta.

Attaccando poi la mentalità ticinese: "Qui conta solo salvare vite umane a qualsiasi costo!!
Da noi domina invece il voler salvare "l'economia", cioè i grandi interessi. Ed abbiamo mille miliardi Nostri nei forzieri della Banca Nazionale, mentre Cuba è uno stato povero! C'è da vergognarsi!".

TOP NEWS Attualità
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile