ticinolibero
TIPRESS
Cronaca
11.05.21 - 10:270

Le scuole sociosanitarie ticinesi partecipano alla campagna vaccinale

Si tratta di 400 persone già formate e abilitate per svolgere le iniezioni intramuscolari. Tutti i dettagli

TICINO – La Svizzera e il Cantone Ticino stanno portando avanti la campagna vaccinale più estesa della propria storia recente. Una sfida logistica e organizzativa che coinvolge molti attori, tra cui anche 400 studenti e studentesse delle scuole sociosanitarie cantonali e del corso in cure infermieristiche della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), attivi nei Centri cantonali di vaccinazione di Giubiasco, Locarno, Lugano e Mendrisio.

È con grande entusiasmo e senso di responsabilità che gli studenti e le studentesse delle cinque scuole sociosanitarie della Divisione della formazione professionale del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (DECS) e del corso di bachelor in cure infermieristiche della SUPSI hanno dato la loro disponibilità a operare nei Centri cantonali di vaccinazione in base alle condizioni stabilite con i rispettivi istituti scolastici. Si tratta di persone già formate e abilitate per svolgere le iniezioni intramuscolari: 300 studenti e studentesse operatori/trici sociosanitari al secondo e terzo anno della Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali di Giubiasco e Canobbio e della Scuola cantonale degli operatori sociali (SCOS) di Mendrisio; alcune centinaia di allievi tra infermieri/e del secondo e terzo anno della Scuola specializzata superiore in cure infermieristiche (SSSCI) e della SUPSI e 40 futuri tecnici/tecniche in radiologia medica e di sala operatoria delle Scuole specializzate superiori medico-tecniche di Locarno e di Lugano.  

Prima di entrare in servizio, gli studenti seguono un percorso formativo curato dall’Accademia di medicina d’urgenza ticinese della Federazione Cantonale Ticinese Servizi Ambulanze e supervisionato dall’Ufficio del medico cantonale. Questa formazione specifica, obbligatoria per tutto il personale sanitario che somministra i vaccini, consiste in una prima parte di contenuti teorici mediante un corso e-learning seguito da un momento più pratico svolto nei centri di vaccinazione sulla base di situazione tipo che possono presentarsi durante l’attività di vaccinazione.

La partecipazione delle scuole sociosanitarie cantonali e della SUPSI necessita di un importante lavoro organizzativo: il Consiglio di Stato, sottolineando il grande valore sia in termini operativi che di solidarietà, ringrazia tutti gli studenti e le studentesse, le direzioni scolastiche, i docenti delle scuole cantonali sociosanitarie e il Dipartimento economia, aziendale, sanità e sociale della SUPSI. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Attualità
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile