ticinolibero
Cronaca
31.05.21 - 22:120

"Marco stiamo arrivando", i Molinari sono sotto la casa di Borradori

Un presidio di poliziotti in tenuta anti sommossa ha sbarrato la strada ma i manifestanti non si fanno scoraggiare. "Gobbi fascista, sei il primo della lista" e "Fuori la Lega da Lugano" sono altri slogan che stanno intonando

LUGANO - Già nel corso della riunione del tardo pomeriggo gli autogestiti avevano intonato cori contro Borradori. Adesso sono passati all'azione e stanno cercando di dirigersi verso la casa del sindaco di Lugano. 

Verso le 21,30 di questa sera, lunedì 31 maggio, è partita la manifestazione degli autogestiti, che dal tardo pomeriggio erano riuniti in piazza Manzoni per protestare contro la demolizione dell'ex Macello. Il corteo si è mosso verso via Motta, con obiettivo la casa del sindaco Marco Borradori al grido di "Marco, stiamo arrivando" e "Gobbi fascista, sei il primo della lista" e "Fuori la Lega da Lugano".

Dopo un pomeriggio sostanzialmente tranquillo, la tensione sta dunque tornando a salire.

Anche perché i manifestanti si sono trovati in via Motta un presidio di poliziotti in tenuta antisommossa che hanno sbarrato la strada. I manifestanti alzano il tiro con frasi sempre più pesanti: "Borradori pezzo di m..." sotto la casa del sindaco. Poi intonano "Bella ciao" e ballano in strada.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Attualità
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile