ticinolibero
TIPRESS
Cronaca
01.06.21 - 14:520

"Si è pensato all'amianto e ad altre sostanze nocive?"

Tamara Merlo e Maura Mossi Nembrini interpellano il Governo: "Quali analisi sono state fatte? Da chi?"

LUGANO – "La salute delle cittadine e cittadini è d’interesse pubblico ed è urgente prenderla in considerazione, dato che la situazione rischia di perdurare con le macerie potenzialmente nocive". È questa la motivazione che ha spinto le deputate Tamara Merlo e Maura Mossi Nembrini a presentare un'interpellanza al Consiglio di Stato dopo la demolizione dell'ex Macello a Lugano.

"La Legge edilizia – si legge nell'atto parlamentare – prevede che una comune cittadina che voglia rifare il bagno di casa e togliere le piastrelle debba chiedere e far eseguire una perizia sull’eventuale presenza di amianto (e altre sostanze nocive), qualora le opere da demolire siano antecedenti alla LE stessa, vale a dire precedenti al 1° gennaio 1991".

Alla luce di quanto esposto, ecco le domande sottoposte al Governo:

  • la polizia cantonale ha proceduto alla demolizione?
  • secondo quale procedura?
  • chi è il committente?
  • la Legge edilizia è applicabile? se no, perché?
  • per la demolizione all’ex Macello quali analisi sono state fatte? Quando? Da chi? Con quale risultato? Dove si può leggere la (eventuale) perizia allestita da una/o specialista riconosciuta/o?
  • l’opera demolita è anteriore al 1° gennaio 1990? Si è valutata l’eventuale presenza di sostanze nocive per l’ambiente e la salute quali bifenili policlorurati (PCB), idrocarburi aromatici policiclici (PAH), piombo o amianto?
  •  si è sufficientemente presa in considerazione la salute delle persone nel procedere alla demolizione in questione?
  •  come saranno smaltite le macerie? Con quali modalità e tempistiche?
  •  il Consiglio di Stato chiederà che “il committente fornisca la prova che i rifiuti prodotti sono stati smaltiti conformemente alle prescrizioni” e, in ogni caso, in modo da non mettere in pericolo la salute delle persone e la salubrità dell’ambiente?
  • che messaggio si è trasmesso alla popolazione, secondo il Consiglio di Stato, dal punto di vista delle cautele in materia di amianto e altre sostanze nocive? Non si reputa che si sia dato il messaggio sbagliato? Non si rischia di far pensare che si possa sottovalutare il pericolo per la salute e l’ambiente insito nei materiali edili sottoposti a demolizione? Non si è magari spinto il piccolo privato a prendere scorciatoie, emulando la Città/il Cantone?
  •  la SUVA è stata informata? Il Consiglio di Stato le sta fornendo tutte le informazioni? Sta chiedendo alla Città di Lugano di collaborare?
  • Sono state prese tutte le cautele, al di là delle sostanze menzionate (amianto), prima della demolizione anche per quanto riguarda i servizi di luce e gas? Cioè, banalmente, è stata staccata la corrente prima di demolire (rischio di incendi o incidenti)?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Attualità
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile