ticinolibero
TIPRESS
Cronaca
04.07.21 - 08:340

Occupazione del Vanoni, fu il vicepresidente ad avvertire Marco Borradori

È stato il vicepresidente della Fondazione Riccardo Caruso ad avvertire per primo il sindaco di Lugano dopo circa tre quarti d'ora

LUGANO – Marco Borradori era tranquillo nel suo ufficio la sera che ha cambiato equilibri e storia di Lugano. Parliamo di sabato 29 maggio, la sera della demolizione dell’ex Macello. È il Caffè a ricostruire più dettagliatamente come il sindaco di Lugano è venuto a conoscenza di quanto stava accadendo in città.

Borradori – scrive il settimanale – si trovava nel suo ufficio, quella sera. L’orologio segnava le 19:15. Minuto più, minuto meno. Lo smartphone del sindaco squilla. “Pronto Marco, sono Riccardo Caruso”. Dall’altra parte della cornetta c’è il vicepresidente della Fondazione Vanoni, proprietaria dello stabile in Via Simen occupato dagli autogestiti quella sera. Fu Caruso a dare per primo la notizia a Borradori, circa 45 minuti dopo l’occupazione.

“Per andare a sporgere denuncia, la Polizia mi dice di andare a Noranco”, dice Caruso a Borradori. Entrambi mal comprendono i motivi del recarsi fino a Noranco. È solo dopo aver ricevuto la denuncia della Fondazione per occupazione abusiva di una proprietà privata che la polizia chiede l’autorizzazione allo sgombero dell’ex Macello.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Attualità
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile