ticinolibero
Cronaca
27.08.21 - 21:220

La Commissione dell'Etica contraria all'obbligo indiretto di vaccinazione

La presidente: "L’abolizione dei test gratuiti sarebbe problematica se nello stesso tempo viene esteso l’obbligo di avere un certificato. Se i test devono rappresentare una vera alternativa alla vaccinazione, allora devono essere accessibili a tutti”

BERNA - Nei discorsi sul vaccino e sul certificato Covid rientra anche la questione dell'etica. E su di essa si è espressa la Commissione nazionale d’etica per la medicina umana (Cne), la quale ritiene non etico anche l'obbligo indiretto a vaccinarsi.

Esporsi alle infezioni, secondo la Cne, fa parte dei diritti individuali. E non devono esserci distinzioni di trattamento tra vaccinati e non nelle cure. "Se cominciamo a differenziare in questo modo, poi andrà a finire che si cura meno bene chi abusa di sostanze alcoliche, chi fuma o chi pratica sport particolarmente pericolosi", ha commentato alla RSI il dottor Roberto Malacrida.

La solidarietà sociale rimane un fattore decisivo per affrontare con successo il Coronavirus e gestirlo a lungo termine, afferma ancora la Cne, che vorrebbe portare gli scettici a vaccinarsi non con obblighi, diretti o indiretti, bensì con l'informazione. 

Oltre è andata la presidente della Commissione, Andrea Büchler, che in un'intervista ha detto come "l’abolizione dei test gratuiti sarebbe problematica se nello stesso tempo viene esteso l’obbligo di avere un certificato. Se i test devono rappresentare una vera alternativa alla vaccinazione, allora devono essere accessibili a tutti”. E ha aggiunto che il certificato deve essere obbligatorio per un tempo limitato. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Attualità
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile