ticinolibero
Sanità
22.02.20 - 11:290

Merlani: "Avremo un caso positivo, solo questione di tempo". Un ricovero a Como, una ticinese ha corso col 38enne di Codogno

Il medico cantonale rassicura: "Non siamo ai livelli di trasmissione comunitaria, ovvero quando si presentano casi di contagio privi di una relazione spiegabile con precedenti casi conosciuti"

BELLINZONA – Ci sono due videoconferenze alla settimana fra medici cantonali la settimana per tenersi informati sul Coronavirus e eventualmente coordinarsi. Insomma, nulla viene lasciato al caso.  Secondo Giorgio Merlani, medico cantonale ticinese, interpellato dal Corriere del Ticino, spiega come a suo avviso l’epidemia si può ancora salvare, grazie anche alle misure ritenute draconiane messe in atto dalla Cina.

Il fatto che ci siano contagi, e che aumentino, in Lombardia, non gli fa cambiare idea. “Dirò di più: sono stupito che in Svizzera non ne abbiamo ancora avuti, visti i tanti contatti con la Cina a livello turistico ed economico. Tutti i casi sospetti, circa 300 dall’inizio della crisi, si sono rivelati negativi. Avremo un caso positivo, è solo questione di tempo”. Della serie: prima o poi capiterà.

Non siamo ai livelli di trasmissione comunitaria, ovvero “quando si presentano casi di contagio privi di una relazione spiegabile con precedenti casi conosciuti. Il caso lombardo per esempio è molto chiaro, come molto chiara è risultata la catena di trasmissione. Trasmissione comunitaria significa che salendo sul bus avresti il rischio di venir contagiato senza sapere da chi. In Europa non siamo certo a questo punto”. Anche la misura di chiudersi in casa a suo avviso è stata dettata dalla necessità di comprendere le catene, cioè chi ha trasmesso il virus a chi. “Le misure davvero adeguate seguiranno”, sostiene.

“L’emotività, per definizione, è più vicina alla pancia dell’uomo che non alla testa. E più si fa irrazionale, più si trasforma in paura. È fondamentale quindi mantenere sempre in primo piano la ragione, la ricerca di informazioni e fonti attendibili”, rimarca.

Tio.ch dà notizia di una ticinese che potrebbe aver avuto contatti col 38enne ricoverato all’ospedale di Codogno. I due hanno partecipato alla stessa gara podistica del 2 febbraio a Portofino. La donna non ha voluto commentare, ad ogni modo, precisa l’articolo, visto il gran numero di persone presenti un loro contatto diretto è improbabile.

Intanto, un paziente positivo al Coronavirus è stato ricoverato al Sant’Anna di Como, riferisce la Provincia di Como. Proverrebbe dal Lodigiano, la zona sinora più colpita.

TOP NEWS Attualità
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile