ticinolibero
Cantonali 2023
17.01.23 - 09:450
Aggiornamento: 11:36

Fuga di cervelli e invecchiamento: l’esempio di Neuchâtel

Il fenomeno del “braindrain” e la strategia del Cantone romando per farvi fronte. L’opinione di Leandro de Angelis, co-presidente dei Giovani Verdi Liberali: “Il Ticino dovrebbe trarre ispirazione”  

di Leandro De Angelis*

 

Quando si parla di fuga di cervelli e invecchiamento, Ticino e Neuchâtel hanno un punto in comune e uno che li separa. Il punto comune è che entrambi hanno una popolazione in calo, perdono giovani ben formati e stanno invecchiando. La differenza è che Neuchâtel ha reagito, mentre in Ticino non sembra esserci nessun piano d’intervento.

Secondo le previsioni demografiche, entro il 2050 il 35% dei ticinesi saranno over 65, contro l'attuale 24%. Un tale invecchiamento sarebbe insostenibile per AVS e casse pensioni e avrebbe un notevole impatto sui bilanci statali. A livello di fuga di cervelli, si sa che il numero di ticinesi che dopo gli studi spostano il domicilio al Nord delle Alpi è più che raddoppiato tra il 2011 e il 2019, passando dall’11,5% al 25,7% dei laureati. Questo numero tiene conto solo di coloro che si sono spostati ufficialmente e nasconde dunque una percentuale più alta.

Per essere costruttivo e nella speranza che questo articolo giunga sotto gli occhi di chi, a Bellinzona, si occupa del tema, riassumo ciò che si è fatto a Neuchâtel. Dal 2016 il Cantone ha cominciato a perdere popolazione, poiché il saldo intercantonale già negativo è peggiorato, mentre gli arrivi dall’estero sono diminuiti. Dal 2016 al 2020, Neuchâtel ha perso 2700 abitanti, corrispondenti a una perdita di base fiscale di circa 70 milioni. Confrontato a un problema simile a quello ticinese, il governo ha reagito inserendo il tema tra le sue priorità per la legislatura 2017-2021 e ha creato una task force per dei lavori d’esplorazione. Nel 2019 il governo ha lanciato un progetto dotato di 2,3 milioni su 5 anni e ha fissato i seguenti obiettivi: far ritornare il Cantone a una crescita demografica comparabile a quella Svizzera, riequilibrare il flusso migratorio internazionale e migliorare la percezione dell’attrattività del Cantone. Per dirigere il progetto è stato nominato un “delegato alla domiciliazione” incaricato di sviluppare una strategia coordinandosi con servizi governativi e altri attori. Questa persona ha cominciato a lavorare sostenuta da una squadra interdipartimentale e si è così arrivati alla definizione di 10 misure prioritarie, che spaziano dal partenariato con le aziende al reclutamento mirato di nuovi abitanti. Centrale è anche una strategia di marketing per cambiare la percezione del Cantone da terra di partenza e di scarse opportunità a destinazione di arrivo ideale. A questo scopo è stato creato per esempio il sito web www.neuchatel-un-canton-a-vivre.ch

Questo esempio ci dimostra che combattere un problema strutturale come quello della fuga di cervelli o dell’invecchiamento è possibile, ma bisogna lavorare e guardare al lungo termine. Questo è il tipo di politica nel quale credo e che, come verdi liberali, vogliamo portare avanti. Un tipo di politica del quale il Ticino ha urgentemente bisogno.

 

* Co-presidente Giovani Verdi Liberali Ticino (GVLT) e candidato in Gran Consiglio

Potrebbe interessarti anche
Tags
ticino
invecchiamento
cervelli
fuga
neuchâtel
cantone
verdi
strategia
giovani
verdi liberali
TOP NEWS Cantonali 2023
© 2023 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile