ticinolibero
Estero
14.11.19 - 09:520

L'ex europarlamentare paladina dei frontalieri ha truffato il Parlamento europeo! È ai domiciliari

Il provvedimento ai danni di Lara Comi è scattato questa mattina. È accusata di corruzione, truffa ai danni del Parlamento europeo, finanziamento illecito e false fatture

MILANO - Lara Comi è stata arrestata. L’ex europarlamentare di Forza Italia, per anni paladina dei frontalieri e in polemica con la Svizzera e il Ticino, è finita in manette ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta “Mensa dei poveri”. 

A notificare a Comi il provvedimento sono stati i militari della Guardia di Finanza di Milano e Varese. Insieme a lei sono stati fermati Paolo Orrigoni, titolare della catena di supermercati Tigros e Giuseppe Zingale, ex direttore dell'Agenzia per il lavoro Afol.

Lara Comi è accusata di corruzione, truffa ai danni del Parlamento europeo, finanziamento illecito e false fatture. 

Dalle carte dell’inchiesta, secondo la stampa italiana, emerge che l’ex eurodeputata avrebbe aumentato lo stipendio (da mille a tremila euro mensili) al suo ex addetto stampa per incassarne poi duemila ogni mese. 

L'altra truffa (finora inedita) è relativa a un contratto fittizio di consulenza come collaboratore al Parlamento europeo di Nino Caianiello, il "burattinaio" delle nomine e degli appalti al centro dell'inchiesta, che però era del tutto ignaro di questa operazione.

TOP NEWS Estero
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile