ticinolibero
Politica
05.10.16 - 11:000
Aggiornamento : 19.06.18 - 15:43

Assistenza, diamo i numeri. Più beneficiari, meno col permesso B

In un anno, le persone in assistenza sono diventate quasi 800 in più. Il 5% del totale ha un permesso B, per un 8% della spesa complessiva. Il numero di beneficiari totali sale dal 2008

BELLINZONA - In Ticino aumenta il numero delle persone che beneficiano dell'assistenza. Stando a cifre riportate dalla Regione, sono aumentate 797 unità in un anno: erano 7'812 nel giugno di quest'anno, quasi 800 in meno a giugno 2015. E i nuclei familiari in assistenza a metà 2016 sono 5'202, con un aumento di 364. In percentuale, un aumento del 7,5%. I numeri crescono costantemente dal 2008, non solo a causa della crisi ma anche di alcune modifiche introdotte dal legislatore federale nell'ambito delle assicurazioni sociali. Boris Bignasca e Massimiliano Robbiani avevano chiesto al Governo quante persone con permesso B o B CE/AELSsi trovano in assistenza (intendo chi riceve indennità straordinarie per disoccupati, ex indipendenti, assegni integrativi e di prima infanzia nonché assistenza sociale), e il Corriere del Ticino riporta oggi la risposta. Sono 398, e rappresentano il 5% del totale, con l'8% del totale della spesa (12,6 milioni di franchi annui). Ma, precisa l'Esecutivo, sono in diminuzione, in particolare grazie al «rafforzamento dei controlli in sede di rilascio, rinnovo e revoca di permessi di soggiorno nell’ambito del quale l’intensificazione della collaborazione tra il DSS e il DI riveste un’importanza significativa». a termine di paragone, nel 2014 si spendevano 13,6 milioni di franchi per persone con permesso B in assistenza, il 13,6% del totale.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Politica
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile