ticinolibero
Politica
10.05.17 - 11:160
Aggiornamento : 19.06.18 - 15:43

I Verdi e l'assistenza che finalmente diventa un problema. "Beltraminelli, ora spiega a Vitta che non va tutto bene"

Il partito è soddisfatto del fatto che il Consigliere di Stato ha ammesso la propria preoccupazione per la crescita dei beneficiari dell'assistenza. "Il primo passo per affrontare un problema è ammettere che esiste"

BELLINZONA – 894 in assistenza in più nel corso di un anno, con una percentuale del 2,2% sul totale della popolazione ticinese che beneficia delle prestazioni. Fra di esse, anche un  migliaio di persone che lavorano, un centinaio addirittura a tempo pieno. Le cifre sono state rese note ieri, e non possono che destare preoccupazione.

I Verdi avevano sempre fatto notare una certa indifferenza verso queste cifre costantemente in crescita, e in più atti avevano sollecitato la pubblicazione di numeri precisi e dettagliati, oltre a soluzioni. Ieri, Paolo Beltraminelli si è detto preoccupato, e il movimento ecologista esulta.

“Il primo passo per affrontare un problema è certamente quello di riconoscere che lo stesso esista. Ha fatto finalmente outing il Consigliere di Stato Paolo Beltraminelli che da anni insabbiava un fenomeno noto a tutti nel paese reale”, si legge in un comunicato. “L'esplosione dei costi legati alla socialità/assistenza d'altro canto erano già chiari anche alle amministrazioni comunali chiamate a partecipare in maniera sempre più consistente alle spese. Le politiche di taglio alle prestazioni sociali (Disoccupazione, AFI e API) hanno sicuramente contribuito in maniera significativa ad accentuare il fenomeno”.

Il vero colpevole, secondo i Verdi, è però senza dubbio il mondo del lavoro. “Lo testimonia perfettamente il dato di oltre un quinto di beneficiari che, seppure lavorando, non riesce a sostentare se stesso e la propria famiglia. Un dato che mostra il precariato di questo cantone e il livello ormai drammatico dei salari versati. In questo senso urge l'applicazione rigorosa dell'iniziativa popolare "Salviamo il lavoro in Ticino" che potrebbe contribuire a invertire la tendenza e rendere meno attrattivo il ricorso a mano d'opera estera a basso costo”. L’iniziativa, promossa proprio dai Verdi, è stata approvata dal popolo, e ora arenata su questioni di fondo, come il salario minimo per tutti o differenziale per settori.

“Ora il ministro Beltraminelli dovrà darsi da fare a spiegare al collega Vitta che non va tutto bene e che i dati della disoccupazione sono ben poco significativi se dall'altra parte la necessità di ricorrere alle prestazioni sociali è in continuo aumento. La sola presunta responsabilità sociale delle aziende si è dimostrata uno specchietto per allodole, mentre il territorio è stato pesantemente saccheggiato da un'economia con uno scarso indotto per la nostra regione”, attacca la nota. In effetti, va detto che la disoccupazione, secondo i dati SECO, è scesa nell’aprile 2017 dello 0,1%, un dato che è stato oscurato dalle cifre relative all’assistenza.

“Al contempo bisognerà adoperarsi per fornire gli strumenti adeguati al settore dell'assistenza sociale per seguire in maniera approfondita le famiglie toccate dal fenomeno e contribuire, con progetti mirati ed individualizzati, a un percorso di reinserimento professionale”, termina il comunicato.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Politica
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile