ticinolibero
Politica
17.12.18 - 15:250

Basta NEET, aiutiamo i giovani. Bertoli: "Scuola obbligatoria fino a 18 anni, mi assumo l'impegno"

Il Consigliere di Stato ha lanciato un'idea: "Non devono per forza andare a scuola, ma non permettiamo loro di rimanere a casa sul divano. L'adolescenza dura anche fino ai vent'anni, il ritorno alla realtà a volte è duro"

BELLINZONA – In Italia li chiamano spesso con l’acronimo inglese NEET, ovvero "not (engaged) in education, employment or training": giovani che non studiano, non lavorano, non cercano nemmeno lavoro. Manuele Bertoli pensa a loro. Non per tutti il percorso scolastico ha successo, ci sono intoppi, a volte ci sono problemi. In Ticino possiede un titolo di studio (maturità federale, maturità professionale, maturità specializzata, attestato federale di capacità, certificato professionale federale) l’88% dei giovani, in Svizzera il 90%. L’obiettivo sarebbe portarli al 95% (calcolando quelli che hanno raggiunto il 25esimo anno di età). 

Come? Su La Regione di oggi, il Consigliere di Stato lancia un’idea: scuola dell’obbligo sino a 18 anni e non più solo a 15. Il che non vuol dire per forza stare tra i banchi, ”ma non permettere loro di rimanere a casa, annoiati sul divano o persi nei socialmedia, solo perché qualcosa non ha funzionato nel percorso postobbligatorio, di studio o di apprendistato”. Chi non ha un titolo studio, non trova lavoro, o almeno fatica quattro volte più di chi ce l’ha. E non sempre nemmeno per loro è facile.

Bertoli vuole reagire. “L’età adolescenziale -è periodo complesso e delicato, perché contraddittorio e teso alla ricerca della propria identità e autonomia, non solo professionale. E lo è ancor di più oggi che l’età di transizione dall’infanzia al mondo adulto, quella adolescenziale appunto, si direbbe tenda ad estendersi oltre i vent’anni, prolungando così l’illusione di una giovinezza senza fine. Il ritorno alla realtà può essere duro e difficile”. 

E rilancia: “l’obbligo di studio sino a 18 anni potrebbe essere la soluzione ideale anche per il Canton Ticino, dove peraltro la richiesta di maggior formazione professionale è data anche dalla concorrenza generata dalla presenza di manodopera estera. Un impegno che mi assumo volentieri”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Politica
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile