ticinolibero
Politica
23.03.20 - 15:380

Le bombe di Pronzini: "Al Consiglio Federale non frega nulla della vita dei nostri concittadini"

Il sindacalista e rappresentante MPS commenta le dichiarazioni arrivate da Berna. E propone:“Bisogna chiudere, anche di più di quanto fatto, perché la nostra vita vale più dei loro profitti”

BELLINZONA – Come si prevedeva, da Berna sono partite le critiche alla chiusura totale del Ticino, definita illegale perché di competenza della Confederazione. Matteo Pronzini in un breve video pubblicato sul profilo Facebook del Movimento per il Socialismo cannoneggia il Consiglio Federale.

“Non sorprende quanto detto da Berna. In tutta Europa i padroni stanno mettendo davanti la possibilità di continuare a fare indotti. Il Consiglio Federale come sempre sostiene il padronato”, dice il sindacalista.

“Ricordatevi che nel Consiglio Federale sono rappresentati i maggiori partiti, dall’UDC al PPD, dal PS ai liberali, non dimentichiamocelo mai! Da sempre hanno privilegiato le posizioni del padronato, pensiamo alla collaborazione con il regime nazista durante la Seconda Guerra mondiale. Non gliene frega nulla della vita dei nostri concittadini”, tuona.

E chiede altre misure: “Bisogna chiudere, anche di più di quanto fatto, perché la nostra vita vale più dei loro profitti”.

TOP NEWS Politica
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile