ticinolibero
Politica
18.07.20 - 09:490

Gobbi va giù duro con Berna: "Ha agito in ritardo e la comunicazione era lacunosa". Preoccupano i festaioli lombardi

Il Consigliere di Stato lamenta come sia stata dura essere ascoltati, al momento della richiesta della finestra di crisi. "Le emergenze vanno gestite a livello cantonale. Un altro lockdown intollerabile dal punto di vista umano, economico, sociale"

BELLINZONA – Norman Gobbi, dalle colonne del Blick, non le manda a dire: Berna ha spesso agito troppo tardi per quanto concerne il Coronavirus, e per il Ticino inizialmente è stata dura essere ascoltati.

“Nelle nostre immediate vicinanze la Lombardia ha dovuto affrontare molte morti, mentre la Svizzera tedescofona e quella francofona erano sotto l’influsso di Germania e Francia, che avevano pochi casi. Il Consiglio Federale deve però tener d’occhio l’intera Svizzera”.

Su Cassis non si sbilancia, “non so quali discussioni si svolgessero. All’inizio è stata dura essere ascoltati. Poi il Consiglio Federale ha fatto un buon lavoro a protezione di lavoratori e datori di lavoro e noi con la finestra di crisi siamo stati in grado di adottare ulteriori misure”.

La sua conclusione è che epidemie e catastrofi naturali vanno affrontate su scala cantonale e regionale, non nazionale: è la lezione della crisi, anche se per Gobbi la Svizzera ha retto meglio del previsto alla prima ondata di Covid. Non si era comunque preparati a dovere, Cantoni e Confederazione non avevano i dispositivi di protezione necessari, così come gli ospedali e i singoli cittadini.

Se ora i Cantoni potranno calibrare le misure, durante il periodo caldo per il Consigliere di Stato anche la comunicazione da parte di Berna è stata carente: esse non sono arrivate sempre subito e durante le conferenze stampa sono stati anche date informazioni che non corrispondevano alla realtà. Gli infopoint hanno a suo modo di vedere fatto percepire le autorità in modo diverso, facendovi apprezzare il valore dello stato, e si complimenta coi media per il lavoro svolto.

Un problema che segnala Gobbi sono i lombardi che vengono a far serata in Ticino, soprattutto a Lugao, dato che nei locali non vi è l’obbligo della mascherina. Dice che un secondo lockdown potrebbe essere intollerabile dal punto di vista umano, economico e sociale. Per evitarlo, si prenderanno misure locali e mirate.

In merito alla sua mancata elezione in Consiglio Federale nel 2015, gli si chiede se ci riproverà. “Si tratta di un treno che potrebbe passare due volte nella vita. Una volta è passato, lo farà una seconda? Non lo so, mi concentro sul qui e ora ma non escludo nulla”.

TOP NEWS Politica
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile