ticinolibero
TiPress/Luca Crivelli
Politica
23.03.21 - 09:000

Bertini: "Per fermare la violenza servirebbe il coprifuoco in tutto il Cantone alle 22"

Dopo quanto successo alla Foce, il vicesindaco di Lugano è convinto che a breve termine "l'unica misura incisiva è quella repressiva". Col tempo si potrà "interrogarci come società sulle dinamiche di insofferenza e disagio esacerbate dalla pandemia"

LUGANO - “Se si vuole davvero essere incisivi - se cioè l’autorità dovesse decidere che l’aspetto sanitario e istituzionale dev’essere garantito - bisognerebbe mettere un coprifuoco alle 22. Ma non solo a Lugano, perché non è un problema prettamente luganese e perché se si facesse solo in città i giovani si ritroverebbero in qualche altro comune. Il coprifuoco dovrebbe essere fatto a livello cantonale”.

È la proposta che il vicesindaco e capo dicastero sicurezza Michele Bertini lancia in un’intervista al Corriere del Ticino dopo gli assembramenti e i tafferugli di sabato sera alla Foce.

“La soluzione a medio-lungo termine", aggiunge, "è interrogarci come società su queste dinamiche di insofferenza e disagio che la pandemia sta esacerbando. Ma a corto termine l’unica misura incisiva è quella repressiva. La mia è una riflessione forse provocatoria. Ma altrimenti non saprei cosa si può fare”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Politica
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile