ticinolibero
La manifestazione dell'8 marzo/TiPress
Politica
20.05.21 - 15:480

I molinari pronti a scendere in piazza. L'UDC: "Altro che soluzione alternativa, a Lugano non li vogliamo più"

Un corteo è previsto per sabato 29 maggio, per i democentristi finirà "con atti di vandalismo". Il partito critica la gestione delle istituzioni: "Il Cantone se ne lava le mani, il Municipio cerca il dialogo, il che non è rispetto per la popolazione"

LUGANO - Gli autogestiti del Molino stanno organizzando un corteo contro lo sgombero (che potrebbe anche essere questione di giorni, è stato spiegato come la decisione sarà della Polizia) per sabato della prossima settimana, il 29 maggio. Il ritrovo è fissato per le 15 in Piazza Riforma. L'UDC si dice già preoccupato.

I suoi rappresentanti sono convinti che sarà "l’ennesima manifestazione che finirà inesorabilmente con atti di vandalismo su proprietà pubbliche e private o peggio di violenza verso chi è chiamato a far rispettare l’ordine pubblico. Per l’UDC tutto ciò è totalmente inaccettabile".

La sezione critica la gestione della situazione. "Mentre il Cantone seguita a fare ciò che ha sempre fatto nell’ultimo ventennio: lavarsene le mani, il Municipio si sta perdendo in cavilli e procedure in merito al paventato sgombero. Un’inerzia generale che non comprendiamo e non condividiamo assolutamente. Inoltre, parrebbe che il Municipio abbia sul tavolo delle proposte di sede alternative all’ex Macello per gli autogestiti del CSOA, sedi ubicate sempre a Lugano", che " per l’UDC e una buona parte della cittadinanza ciò è assolutamente fuori  discussione. Gli ex molinari, con i fatti dell’8 marzo scorso hanno superato ogni limite e vanno allontanati dalla Città di Lugano. Cercare ancora il dialogo con un gruppo sordo nei confronti di
tutto ciò che odora di “istituzione”, e che non ha il ben che minimo rispetto nei confronti delle Autorità e della cittadinanza, è solo una colossale perdita di tempo".

Il partito dice che "sapeva fin dall’inizio che passate le elezioni non si sarebbe più mosso nulla o peggio avrebbero trovato loro una sistemazione alternativa sempre a Lugano", motivo per cui è stata lanciata l’iniziativa popolare comunale “Adéss Basta!” – NO a un’autogestione al di sopra della legge. "È ora di soluzioni definitive in merito all’autogestione, è ora che a decidere siano i cittadini".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Politica
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile