ticinolibero
TiPress/Davie Agosta
Politica
02.08.21 - 09:290

Da destra solidarietà a Valenzano Rossi. Quadri: "Se l'è cavata molto bene". Galeazzi: "I fischiatori, una manica di imbecilli"

"Il pubblico presente ha reagito agli strilli ed ai fischi con applausi ed incoraggiamenti all'oratrice, la quale non si è fatta zittire", scrive il leghista, che attacca: "Atteggiamento fascista da parte dei cifolatori autogestiti"

LUGANO - Come avevano promesso, i fischi ci sono stati. Per la prima volta da che si ricorda un discorso del primo agosto è stato contestato: si tratta di quello di Karin Valenzano Rossi a Lugano. Un atteggiamento, quello dei contestatori, probabilmente provenienti dall'ambiente dell'ex Macello e incitati da Michel Venturelli col suo 'Cifola l'Aida', che non è piaciuto ai politici luganese.

A schierarsi contro quanto accaduto sono infatti due esponenti di destra, Lorenzo Quadri e Tiziano Galeazzi.

"Un manipolo di cifolatori sedicenti autogestiti ha pensato bene di dare l'ennesima grande prova di sé, sabotando (brozzando) il primo agosto dei Luganesi con un profluvio di fischi e di strilli incomprensibili durante l'allocuzione dell'oratrice ufficiale, la municipale Karin Valenzano Rossi. Il pubblico presente ha reagito agli strilli ed ai fischi con applausi ed incoraggiamenti all'oratrice, la quale non si è fatta zittire (e ci sarebbe mancato altro) e se l'è cavata molto bene: il suo discorso, grazie all'amplificazione, si è capito perfettamente, malgrado il fastidioso rumore di sottofondo", scrive il leghista, elogiando dunque la collega. 

"I cifolatori autogestiti si sono dunque screditati da soli. Impedire alla controparte di parlare è un atteggiamento fascista che ben qualifica i molinari protetti dalla $inistra. A proposito, aspettiamo ancora la dura condanna dei kompagni a proposito di quanto accadeva all'interno dell'ex macello, vedi gli abusi su minori oggetto di recente processo. Ci fossero stati dei manifestanti di "destra" ad impedire - o a tentare di impedire - di parlare ad un oratore rossoverde, i sinistrati starebbero già starnazzando allo scandalo ed all' "allarme fascismo", con la solita RSI a montare la panna ed a reggere servilmente la coda", prosegue.

"Con la performance di questa sera i cifolatori autogestiti hanno dato l'ennesima dimostrazione d'inciviltà e di disprezzo delle minime regole di convivenza civile, chiarendo al di là di ogni dubbio cosa intendono costoro per "dialogo". Ed i soldatini della gauche-caviar, quelli che si sciacquano la bocca con il "rispetto" - ma sempre e solo a senso unico - non hanno nulla da dire? Citus mutus? L'è tüt a posct?", si chiede.

Per Tiziano Galeazzi, invece:  "Discorso a Lugano per la festa di compleanno della Svizzera interrotto da una manica di imbecilli....dell'ex Macello".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Politica
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile