ticinolibero
Politica
25.08.21 - 19:020

Il Ticino non sa ancora cosa dire sul certificato Covid. "Un conto è chiederlo per i grandi eventi, un altro per il ristorante"

"È chiaro che si tratta di un provvedimento di un certo impatto e che comporta una serie di criticità", ha detto Manuele Bertoli, che non ha ancora chiara la posizione che si prenderà nella consultazione

BELLINZONA - Cosa risponderà il Ticino alla consultazione del Consiglio Federale, in cui si chiede se si è d'accordo di estendere l'obbligo del certificato Covid per molte attività, come una cena al ristorante o un caffè al bar? Manuele Bertoli, interpellato dal CdT, non lo sa ancora.

"È chiaro che si tratta di un provvedimento di un certo impatto e che comporta una serie di criticità. E questo perché una cosa è chiedere il COVID pass per andare ai grandi eventi o in discoteca, un’altra è chiederlo per attività più quotidiane, come andare al ristorante", afferma.

Vanno tenute in considerazione le ripercussioni economiche, che è sicuro ci sarebbero. Fa l'esempio del calo di spettatori al Festival del Film di Locarno, per esempio. 

A suo avviso, si complicherebbe anche la questione delle chiusure. In pratica, sarebbero causate dallo stato che decide di chiudere (e quindi paga) o da chi non si vaccina? "Esorto chi non lo ha fatto a vaccinarsi: non abbiamo bisogno di nuovi conflitti sociali inutili". Quelli che rischierebbero, probabilmente, di nascere con il certificato Covid esteso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Politica
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile