ticinolibero
Politica
29.08.21 - 12:050

Certificato Covid, Romano e Farinelli dicono sì, Marchesi contrario

Giro di opinioni del Mattino sull'estensione dell'obbligatorietà del documento. "L'alternativa sarebbero ancora le chiusure generalizzate", sostiene Farinelli. Marchesi: "Sarebbe un obbligo di vaccinazione mascherato"

BERNA - Estensione dell'obbligo del certificato Covid? Il tema è decisamente caldo. Il presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (Cfv) Christoph Berger per esempio è a favore. De Rosa ha fatto capire di esserlo. Il Mattino ha interpellato alcuni Consiglieri Nazionali.

Marco Romano è favorevole: "Ritengo che l’introduzione del covid-pass sia corretta e che vada estesa a tutti i luoghi chiusi dove si riunisce un numero elevato di persone, essenzialmente quando sono in movimento, per un periodo prolungato; soprattutto laddove il porto della mascherina è difficile e non sempre garantito. Il fine ultimo è la salute pubblica nell’interesse del singolo e del collettivo". Ilpopolare democratico sostiene che non deve esserci obbligo vaccinale, chi non vuole essere vaccinato accederà alle manifestazioni e ai locali con un tampone, però "per chi realmente non avrà la possibilità di vaccinarsi e per i minorenni, il test dovrà restare gratuito".

Decisamente per il sì anche il liberale Alex Farinelli: "In questa pandemia spesso si dimenticano le esperienze già vissute. Non più di un anno fa, nel corso del mese di settembre, i contagi hanno cominciato a crescere in maniera importante. Nel giro di qualche settimana gli ospedali sono arrivati vicini al proprio limite e si sono dovute operare delle chiusure pesantissime per l'economia e la società. A fronte di un tasso di vaccinati - unico mezzo per proteggere efficacemente gli ospedali, in quanto chi contrae la malattia dopo il vaccino in larghissima parte ha un decorso lieve - ancora manifestamente troppo basso (siamo gli ultimi in Europa), è illusorio pensare che lo scenario dello scorso anno non andrà a ripetersi. L'adozione dell'obbligo del certificato va quindi vista come un mantenimento della libertà. L'alternativa sarebbero ancora le chiusure generalizzate".

Contrario invece il democentrista Piero Marchesi, che sottolinea di essere vaccinato e a favore della libertà di ciascuno di decidere autonomamente se aderire alla campagna vaccinale o no. "Queste proposte, di fatto, sono un obbligo di vaccinazione mascherato che finirà, oltre che per svilire la volontà individuale, anche per mettere ancora una volta in difficoltà esercenti e ristoratori. Quasi il 60% della popolazione è vaccinata, si continui a sensibilizzare i cittadini affinché si raggiunga una percentuale maggiore, ma senza alcun divieto".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Politica
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile