ticinolibero
Politica
06.09.21 - 18:380

Locarno contro le discriminazioni, Arogno per il Matrimonio per tutt*: ecco le bandiere arcobaleno

I fautori dell'iniziativa che si voterà il 26 settembre hanno chiesto ai Municipi di esporre il vessillo simbolo della comunità LGTB+, solo due hanno detto sì

LOCARNO/AROGNO - I fautori del "Matrimonio per tutt*" avevano chiesto ai Comuni di esporre la bandiera arcobaleno, simbolo del movimento LGTB+, per manifestare solidarietà. Oggi sventola fuori da due Comuni: Locarno e Arogno.

Molti dei 106 Comuni che hanno scelto di non esporla hanno invece declinato l'invito preferendo non prendere posizione su un tema su cui si voterà presto.

La motivazione di Locarno, ha spiegato il sindaco Alain Scherrer a La Regione, è quello di "incoraggiare chi in tutti questi anni si è battuto e continua a battersi contro ogni forma di discriminazione basata sull’orientamento sessuale delle persone". Per il liberale, "un impegno inarrestabile per le istituzioni e per ciascuno di noi. Facilitare il pieno sviluppo della personalità umana è un’incombenza primaria, dalla quale deriva la qualità dell’esistenza civile e della stessa democrazia".

E Arogno? Il Comune ha spiegato la sua posizione sul sito ufficiale, andando ancora oltre e non parlando solo di lotta alla discrimianzione ma sostenendo apertamente l'iniziativa: "Con il matrimonio per tutti la Svizzera compirà un passo importante in direzione di una maggiore uguaglianza; la bandiera arcobaleno intende sottolineare l’importanza di questa riforma e l’opportunità di dare un segnale forte a favore di chi, oggi, si sente ingiustamente discriminato”.

TOP NEWS Politica
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile