ticinolibero
Politica
12.11.21 - 16:110

La proposta ticinese per proteggere le neomamme dal licenziamento è stata bocciata

Si chiedeva di estendere a 52 settimane (ora è a 16) il periodo dopo il parto in cui non possono essere licenziate e introdurre la possibilità di ridurre per il primo anno la percentuale del 30% con un congedo non pagato

BERNA . La delegazione ticinese composto da Fabrizio Sirica, Fiorenzo Dadò e Giorgio Fonio torna delusa da Berna: l'iniziativa ticinese per le neomamme è stata bocciata dalla Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati per 7 voti contro 5.

Le richieste erano di aumentare la protezione dal licenziamento delle neo-mamme dalle attuali 16 a 52 settimane dopo il parto e di prevedere il diritto a ridurre, per il primo anno dopo il parto, del 30% la propria occupazione con un congedo non pagato. Il 10% delle donne perde o lascia il posto di lavoro dopo un anno dalla nascita del figlio.

Ma non è arrivata la luce verde, le neomamme sono già abbastanza protette, è stato detto. "La decisione si basa su studi pertinenti che evidenziano come la maggior parte delle giovani madri possano raggiungere un accordo amichevole con i propri datori di lavoro. Non vi è dunque la necessità di potenziare la protezione a questa voce", si legge in una nota dei servizi parlamentari

© 2022 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile