ticinolibero
Tribuna
20.09.19 - 14:590

Di campagna elettorale, segreto bancario e sovranismo. Dell'Ambrogio controLega e UDC

Da Opinione Liberale scrive: "Il sovranismo è la stessa solfa ovunque. Illude gli elettori che per risolvere i problemi basta opporsi a quel che vuole l'estero. Ma il segreto bancario fu spinto dalle banche"

di Mauro Dell’Ambrogio (da Opinione Liberale)*

C’è chi la campagna elettorale la fa riesumando. Non una salma, ma un tema che si presumeva sepolto, almeno politicamente: il segreto bancario. UDC e Leghisti si sono messi a vantare le iniziative che qualche anno addietro volevano mettere in campo per iscrivere il segreto bancario nella costituzione. E a recriminare contro gli altri partiti, allora come oggi timorosi e malati di esterofilia, che si erano opposti a queste iniziative. Colpevoli pertanto della perdita di tanti posti di lavoro nel settore bancario e fiduciario. Come prima risposta si potrebbe chiedere loro perché mai quelle iniziative non le lanciarono, raccogliendo le firme per far decidere i cittadini. Quasi che gli altri partiti avessero potuto impedirlo. Ma la mistificazione va oltre.

Intanto bisogna chiarire cosa si intende per segreto bancario. La legge punisce - oggi come ieri - la banca o il funzionario di banca che, senza ordine di un’autorità, rivela informazioni su averi o transazioni bancarie di clienti. A cambiare sono state le condizioni che possono portare ad un tale ordine: da qualche anno estese alla ricerca di prove non solo in procedimenti penali o civili (aperti in Svizzera o, tramite assistenza internazionale, all’estero), ma anche in procedimenti di evasione fiscale.

Come è intervenuto questo cambiamento? C’è stata una pressione dall’estero, particolarmente dagli Stati Uniti. A questa pressione hanno ceduto, ben prima dei politici, le banche medesime: per salvarsi da misure prese all’estero che avrebbero comportato la loro rovina. Hanno chiesto loro, prima che nuove leggi svizzere le obbligassero, l’autorizzazione a trasmettere dati di clienti alle autorità fiscali americane. Una proclamazione del segreto bancario nella costituzione (come specificato?) non avrebbe cambiato alcunché. Le leggi sull’assistenza giudiziaria internazionale e gli accordi internazionali che le accompagnano sono stati in questi anni adeguati a questa nuova realtà, con regolari decisioni del parlamento e - udite, udite - senza che né Lega né UDC lanciassero un referendum.

Il sovranismo è la stessa solfa ovunque. Illude gli elettori che per risolvere i problemi basta opporsi a “quel che vuole l’estero” e accusa di tradimento chi appena guarda ai fatti e cerca una verità oltre il “noi buoni, loro cattivi”. In Italia c’è chi pretende di poter far debiti oltre le regole europee concordate per reggere la moneta comune; quasi che tornare alla Lira perennemente svalutata e con interessi alle stelle fosse un’alternativa. L’attuale governo britannico pretende che per avere quel che vuole dall’UE basta minacciare di uscire sbattendo la porta; senza confrontarsi pubblicamente con le conseguenze in tal caso per i Britannici. I nostri UDC e Leghisti mettono alla berlina chi avrebbe ucciso il segreto bancario; quasi che avessimo potuto mandare all’estero il nostro esercito a difendere le nostre banche là, dove furono messe con le spalle al muro.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Tribuna
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile