ticinolibero
Tribuna
30.10.19 - 12:000

Salario minimo senza Prima i nostri? "Un disastro. Se pagar poco da immorale diverrà legge..."

Sergio Morisoli spiega perchè secondo lui prima del salario minimo andrebbe introdotta la preferenza indigena. "Non è il prezz fisso del lavoro che ci proteggerà da dumping e sostituzione, regoliamo domanda e offerta al di qua e al di là del confine"

di Sergio Morisoli*

Il salario minimo senza l’applicazione dell’articolo Costituzionale “Prima i nostri” sarà un disastro per il Ticino. 

Il salario minimo, cura a breve termine per 12’000 lavoratori di cui circa 7’000 frontalieri, diventerà a medio e lungo termine il salario massimo di riferimento per circa 80’000 / 100’000 lavoratori residenti ( a parte quelli che lavorano per lo Stato e parastato). 

Salteranno i contratti collettivi diretti tra datori di lavoro e organizzazioni dei lavoratori, modello di successo svizzero. Le negoziazioni saranno inutili siccome sostituiti dal salario minimo di legge per i frontalieri ma di fatto massimo per i ticinesi. 

Non è il prezzo fisso del lavoro che ci proteggerà dal dumping e dall’effetto sostituzione, anzi, se pagar poco da immorale diventa legale...

Solo la gestione intelligente della domanda e dell’offerta di lavoratori differenziando per settori economici ci può salvare da salari tendenti al basso, disoccupazione giovanile, emigrazione di cervelli e delocalizzazione di posti qualificati, fine della pace sociale tra categorie di lavoratori. 

È la dinamica quantitativa di Domanda e Offerta di qua e di là dal Confine che va governata seriamente, cioè mettendo in pratica quello che il popolo ticinese ha voluto fissare nella costituzione. Il resto come dice una pubblicità è contorno, in questo caso: dannoso.

*deputato UDC

TOP NEWS Tribuna
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile