ticinolibero
Tribuna Libera
11.04.22 - 18:500

Riget: "Perchè diciamo no a Morisoli. Per lui, servono austerità, neoliberismo e meno Stato"

La co-presidente del PS sulla mozione del democentrista in discussione in Gran Consiglio: "Approccio particolarmente incomprensibile in questo momento storico, con la pandemia, la guerra e l'invecchiamento della popolazione"

di Laura Riget*

Di primo acchito, gli obiettivi dichiarati dalla mozione di Sergio Morisoli “Benessere e malessere sociale: riformare il “Welfare State” ticinese” potrebbero pure sembrare condivisibili. Si parla di analizzare – sia sul presente che sul futuro – il benessere e malessere sociale nel nostro paese, ampliando lo sguardo rispetto a singole riforme specifiche in un ambito e coinvolgendo esperti da tutti i settori.

Leggendo però in maniera più dettagliata, in particolare la seconda richiesta, vediamo che i mozionanti non vogliono limitarsi ad un’analisi oggettiva, ma perseguono chiare finalità ideologiche.

Si vuole riformare lo stato sociale del Canton Ticino puntando a:
- Sfoltire le leggi e le ridondanze tra le leggi
- Introdurre leggi sociali con data di scadenza
- Riequilibrare diritti e doveri dei beneficiari, nonché ridefinire i target dei beneficiari
- Implementare la sussidiarietà

Tradotto dal politichese? La mozione chiede meno aiuti sociali; per meno persone; scaricando i costi ad associazioni, privati e poi se del caso ai comuni.

Finalità che non possono lasciarci sorpresi considerando l’origine della proposta: da anni Sergio Morisoli ha reso i tagli nel sociale il suo cavallo di battaglia, tant’è che tra poche settimane voteremo anche sul suo Decreto Morisoli, che vuole ampliare queste proposte di tagli a tutti gli ambiti di gestione pubblica, non limitandosi più unicamente alla socialità, ma colpendo anche la formazione, i trasporti pubblici, la sicurezza e molto altro.

Parole d’ordine: austerità, neoliberismo e meno Stato. O ancora meglio, niente Stato del tutto. Anche nella mozione in questione, si legge – apro la citazione – “che lo stato sociale è in crisi un po’ ovunque perché col passare del tempo il sano principio della solidarietà trasversale dal basso si è snaturato diventando un unico principio imposto dall’alto: quello della socialità statale.”.

Per Morisoli lo stato sociale è in crisi perché se ne occupa lo stato, e non lascia compiti fondamentali come gli aiuti sociali per le persone in difficoltà, la formazione delle future generazioni e probabilmente anche la sicurezza degli individui in mano a privati senza alcun controllo da parte della collettività e ovviamente secondo il principio “chi paga decide”.

Questo approccio dogmatico dell’austerità è particolarmente incomprensibile in questo momento storico: siamo appena usciti da una pandemia e all’orizzonte si stanno profilando nuove difficoltà con il rincaro energetico e l’inflazione in seguito alla guerra in Ucraina. Oltre a ciò, il Ticino dovrà nei prossimi decenni affrontare sfide epocali come l’invecchiamento della popolazione, la fuga dei cervelli, il cambiamento climatico e la precarizzazione del mercato del lavoro.

Per questo motivo, come Partito Socialista Ticino non abbiamo dubbi: questa mozione – come pure il decreto sul quale votiamo il 15 maggio – sono da respingere!

*copresidente Partito Socialista

Tags
morisoli
riget
neoliberismo
austerità
meno stato
mozione
stato
invecchiamento
momento storico
guerra
TOP NEWS Tribuna Libera
© 2022 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile