ticinolibero
tipress
Federali 2023
19.11.23 - 08:450

Il giorno del ballottaggio, corsa a cinque per il Consiglio degli Stati

Sembrano esserci pochi dubbi sulla riconferma di Marco Chiesa. Regazzi e Farinelli in pole position, Gysin gode del sostegno del PS e Mirante è abituata a sorprendere

BELLINZONA – Il giorno del ballottaggio è arrivato. A mezzogiorno si chiudono le urne e i giochi saranno definitivi. Dopo le elezioni federali di ottobre, oggi si decidono i due rappresentanti ticinesi al Consiglio degli Stati. La popolazione si è dovuta esprimere tra Marco Chiesa (Lega-UDC), Fabio Regazzi (Il centro), Alex Farinelli (PLR), Greta Gysin (Verdi) e Amalia Mirante (Ticino & Lavoro). Al secondo turno, quello odierno, sono stati ammessi i candidati che hanno raggiunto almeno il 5% delle schede valide nel turno di ottobre. Si è ritirato dalla corsa, invece, Bruno Storni (PS) in considerazione dell'accordo tra i socialisti e i Verdi.

Corsa a cinque, dove eravamo rimasti?

La corsa a cinque potrebbe, in realtà, essere a quattro. Sembrano esserci, infatti, pochi dubbi sulla riconferma di Marco Chiesa, in testa al primo turno con 39'024 voti preferenziali. In pole position per occupare il seggio rimasto vacante dopo l’elezione di Carobbio in Consiglio di Stato, ci sono Fabio Regazzi e Alex Farinelli, rispettivamente secondo e terzo più votato nella tornata di un mese fa. 

Vuol dire la sua anche Greta Gysin (22'321 schede), che nel ballottaggio odierno godrà però del pieno sostegno del PS. È abituata alle sorprese Amalia Mirante, al ballottaggio con 13'744 voti al primo turno.

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
ballottaggio
corsa
giorno
cinque
stati
consiglio
ps
gysin
regazzi
marco
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile