ticinolibero
TiPress/Alessandro Crinari
Tribuna Libera
24.12.22 - 09:530

La poesia di Natale di Oswaldo Codiga: "Al dì d’incöö el nosc’t vìiv l’è pien da odio e da pagüür…"

Con poche pennellate di parole in dialetto lo scrittore di Gordola tratteggia la magia e le ansie di questi giorni di festa

di Oswaldo Codiga *

Natal… l’è una fesc’ta che dovresa sempro

dàa e portàa amòor…

Al dì d’incöö invece el nosc’t vìiv

l’è pien da odio e da pagüür…

A vivom in un mond che a cognosom pü

indoa a sa podresa sc’tàa ben

e invece l’è come ves tornàad indré

da chisà quanti an

in un mond amò pien da guera

che l’è una  rovina per tüta la tera…

A ghé  gent che sc’capa dai so sìit

a ghé gent che il sa mia indoa ié finìit…

A ghé  governi che i pensa

da podée fàa el bel e el brüt

e intant i conscia da bütàa via tüt… 

A ghé chi che i vöör armi a tüt andada…

a ghé chi che pürtrop

i ghei porta e i ghei regala…

e per lòor l’è una roba quasi giüsc’ta

quasi  racomandada…

Chel pensàa da fàa fesc’ta a Natal

con el cöör sc’trengiüüd in una sc’morza

che u sofris e u piang’

e che per reagìi u ga pü forza…

Logicament i augüri bisögna fai losc’tes…

L’è brüt da dìi ma bisögna nàa in avanti

come se gnent u füdes!

 

Traduzione

Natale… é una festa che dovrebbe sempre

dare e portare amore…

Al giorno d’oggi invece

il nostro vivere é pieno d’odio e di paure…

Viviamo in un mondo che non conosciamo più

dove si potrebbe star bene

invece è come esser tornati indietro

di chissà quanti anni

in un mondo ancora pieno di guerre

che è una rovina per tutte le terre…

C’è gente che fugge dai suoi luoghi

c’è gente che non sa dove è finita…

Ci sono governi che pensano

di poter fare il bello e il brutto

e intanto conciano da buttare il tutto…

C’è chi vuole armi a tutto spiano

c’è chi che purtroppo

glie le porta e glie le regala…

e per loro è una cosa quasi giusta

quasi raccomandata…

Quel pensare di far festa a Natale

con il cuore stretto in una morsa

che soffre e piange

e che per reagire non ha più forza…

Logicamente gli auguri bisogna farli ugualmente…

È brutto da dire ma bisogna andare avanti

come se non ci fosse niente!

* poeta e scrittore dialettale

Tags
oswaldo codiga
ta
nosc
oswaldo
incöö
odio
vìiv
natale
sc
pagüür
TOP NEWS Tribuna Libera
© 2023 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile