ticinolibero
Economia
09.09.19 - 11:560

C'è poco da stare allegri! I ticinesi non si fidano delle statistiche e faticano a vivere dignitosamente

Un sondaggio di Ticino&Lavoro fa emergere dati preoccupanti: il 57,4% degli interpellati è già stato sottopagato, il 71% non riesce a risparmiare nulla a fine mese. Ecco una serie di proposte

BELLINZONA – La vita in Ticino è reputata decisamente poco soddisfacente: il voto medio è 5, su un massimo di 10. Ma è solo uno dei dati inquietanti che emerge dal sondaggio di Ticino&Lavoro, che mostra come soprattutto il ceto medio-basso fatichi.

Ecco quanto risultato dalle domande online dell’associazione: “Il 57.4% dichiara di essere già stato sottopagato. Il 59.1% di chi ha risposto al nostro sondaggio dichiara di appartenere al ceto medio, mentre il 38.3% a quello basso e un restante 2.6% a quello alto.

Il 68.8% ha risposto che le statistiche SECO – ILO non rispecchiano adeguatamente la situazione della disoccupazione in Ticino.

Il 44.6% dichiara di non riuscire a vivere dignitosamente in Ticino con il proprio stipendio, il 29.5% di riuscirci e il 14.5% solo grazie all’aiuto della propria famiglia.

Il 65.2% dichiara di vivere in una casa – appartamento in affitto, mentre il 32.6% in una casa – appartamento di proprietà.

Il 71% con lo stipendio che percepisce non riesce a risparmiare qualcosa a fine mese una volta pagato tutte le spese.

Il basso tasso di natalità in Ticino, secondo a chi ha risposto al nostro sondaggio, è dovuto a:
- 63.1% insicurezza nel garantire un futuro
- 48.7% stipendi bassi
- 28.4% precarietà

Il 63.4% ha già preso in considerazione l’idea di andare a vivere in Italia.

Il 3.4% è andato a vivere in Italia mantenendo il lavoro in Svizzera, il 4% si sta organizzando per farlo mentre il 31.2% dichiara di starci pensando, il restante 59.1% dichiara di non averci mai pensato. 

Su un voto da 1 a 10 per indicare la soddisfazione della propria vita in Ticino, il risultato del voto medio è stato: 5”.

Insomma, c’è poco da stare allegri. “La maggior parte dei ticinesi che si definisce di ceto medio – basso dichiara di non credere nelle statistiche sulla disoccupazione, non riuscire a vivere dignitosamente in Ticino con lo stipendio che percepisce, non riuscire ad acquistare una casa – appartamento di proprietà, non riuscire a mettere da parte qualche risparmio alla fine del mese, fare meno figli a causa di insicurezza sul futuro e stipendi bassi, tenere in considerazione la possibilità di andare a vivere in Italia per abbassare i costi e essere insoddisfatto della propria vita in Ticino”, è il commento.

Allora, cosa fare? L’associazione lancia una serie di proposte. Per aiutare il ceto medio-basso si vorrebbe “facilitare l’accessibilità ai crediti ipotecari e di sostenibilità adeguandoli alla realtà odierna, introdurre sgravi fiscali mirati ai cittadini del ceto medio che non usufruiscono di sussidi, dare maggiore sostegno e aiuti (mense – pre e doposcuola) ai genitori che lavorano entrambi, riconoscere l’affitto pagato sulla dichiarazione delle imposte e creare una cassa malati pubblica di base con complementari a libero mercato”.

Indubbiamente, i problemi nascono dal mercato del lavoro, e Ticino&Lavoro porta avanti diverse idee anche per esso, dalla “reintroduzione di un tetto massimo di manodopera estera in percentuale sul numero di dipendenti totali di ogni singola azienda – contingenti” all’”accelerazione dell’applicazione del salario minimo dignitoso approvato dal popolo nel 2015”, dal “onitorare maggiormente il mercato del lavoro ticinese, grazie alla notifica dei
posti vacanti agli URC, sensibilizzando e indirizzando maggiormente i giovani e proponendo delle riqualifiche maggiormente mirate agli iscritti in disoccupazione” all’ “obbligo di notifica e retribuzione, da parte del datore di lavoro e della persona fisica che adempie a delle giornate di prova” (di cui abbiamo parlato in un articolo di qualche giorno fa”.

Si vogliono “incentivi maggiori a chi assume personale disoccupato – in assistenza”, “sgravi fiscali per tutti i datori di lavoro che dimostrano di adottare responsabilità sociale. (Presentando dati certi che attestano un minimo di percentuale di personale residente), “sanzioni pesanti per chi pubblica annunci di lavoro discriminanti e facenti dumping salariale”, “divieto di usufruire delle agenzie interinali, se non in caso di comprovato bisogno, a chi si aggiudica un appalto pubblico” e “rafforzamento dei controlli da parti dell’ispettorato del lavoro”.

“Se entro settembre 2020 la politica Ticinese non dovesse aver implementato almeno delle agevolazioni fiscali a favore del ceto medio, la nostra associazione lancerà un’iniziativa popolare e andrà tra la gente a raccogliere firme!!!!!”, è il monito di Giovanni Albertini e Omar Valsangiacomo.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Attualità
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile