ticinolibero
Politica
07.02.19 - 11:260

A che ora inizi scuola? La proposta per "diluire" gli orari e diminuire il traffico

Pini e Käppeli inviano una mozione al Consiglio di Stato, chiedendo una differenziazione dell'orario di inizio delle scuole (pensando a quelle post-obbligatorie) per alleggerire gli ingorghi nelle ore di punta"

BELLINZONA – Quando si parla di lavoro flessibile, si intendono quelle forme che permettono di non avere sempre orari fissi: per molti, potrebbe portare benefici sul traffico, dato che le persone non si troverebbero in strada contemporaneamente, creando ingorghi. Perché non pensare a qualcosa di simile anche per le scuole?, si sono chiesti i liberali Nicola Pini e Fabio Käppeli.

Ed ecco nascere la mozione che chiede “al Consiglio di Stato – in collaborazione con tutti gli attori interessati – di approfondire e realizzare dei progetti per differenziare, dove possibile e utile, gli orari scolastici con l’intento di alleggerire il carico di utenti nelle ore di punta, migliorando attrattiva e funzionalità del trasporto pubblico”.

“In treno, in bus o in auto poco importa, spostarsi al lavoro o a scuola in alcuni orari – specie al mattino tra le 7.00 e le 8.00 – risulta essere problematico: auto in colonna, lavoratori in piedi sul treno e perfino studenti che non riescono a salire sul bus. Oltre a sostenere e incentivare la flessibilità del lavoro da parte di datori di lavoro pubblici e privati, occorre anche puntare su un’ottimizzazione della mobilità scolastica, in particolare attraverso un adeguamento e soprattutto una differenziazione degli orari scolastici con l’intento di alleggerire il carico di utenti nelle ore di punta, permettendo così di poter usufruire più comodamente dei mezzi pubblici, come anche di diluire il traffico privato”, scrivono i due.

Ricordano come un’opzione simile era già stata bocciata dal Consiglio di Stato, che aveva fatto presente come tanti ragazzi delle medie escano già presto da casa e spesso terminino tardi, per cui “diluire” l’orario scolastico sarebbe stato problematico.

Pini e Käppeli però non mollano. “La proposta potrebbe però essere indirizzata alle scuole superiori, dove forse le rigidità paventate precedentemente sono meno presenti. Con la presente mozione proponiamo quindi al Consiglio di Stato – in collaborazione con gli attori interessati, in particolare scuole, SUPSI, imprese di trasporto e Commissioni regionali dei trasporti – di stimolare, approfondire e se possibile sperimentare uno o più progetti in tal senso, concentrandosi ad esempio sul comparto Liceo, Scuola cantonale di commercio, Arti e Mestieri a Bellinzona e soprattutto sui nuovi campus SUPSI previsti nelle immediate vicinanze delle stazioni FFS di Mendrisio e Lugano (campus che muoveranno diverse migliaia di studenti)”.

Un’idea non nuova in Svizzera: “nel 2016, ad esempio, la Scuola universitaria professionale di Lucerna e le FFS hanno comunicato lo spostamento degli orari in base ai bisogni dei pendolari: gli studenti potranno così viaggiare su convogli meno carichi e contemporaneamente è stato diminuito il traffico di viaggiatori negli orari considerati da bollino rosso. Nel 2017, in vista dell’apertura di un nuovo campus, anche la Fachhochschule Nordwestschweiz e le FFS hanno avviato una collaborazione sempre in questo senso, chi impegnandosi a fermare dei treni a lunga percorrenza in prossimità della scuola, chi impegnandosi a posticipare l’orario di inizio di almeno un’ora per un terzo degli studenti (giocando sulle ore buca)”.

 

TOP NEWS Politica
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile