ticinolibero
Foto d'archivio, dove sorgeranno le Officine. Tipress/Alessandro Crinari
Cronaca
23.03.21 - 11:340

Un sorriso per le future Officine, gli impiegati saranno il 30% in più

Le FFS hanno comunicato al Consiglio di Stato che intendono far lavorare a Castione 300 persone, non 200-230 come inizialmente previsto, con una sessantina di apprendisti da formare

CASTIONE - Le nuove Officine di Castione impiegheranno almeno 300 persone a tempo pieno, ben più delle 200-230 citate nella Dichiarazione d’intenti sottoscritta fra le parti (Ferrovie, Cantone e Città di Bellinzona) del 2017. Si tratterà di un 30% in più di lavoratori che avranno un posto!

La notizia è stata comunicata dalle FFS al Consiglio di Stato nelle scorse ore.

Gli impiegati avranno profili all’avanguardia, con profili specialistici riguardanti ad esempio la polimeccanica, l’ingegneria e la diagnostica e si formeranno circa 60 apprendisti. 

Probabilmente aumenterà anche l'investimento dai 360 milioni previsti a circa 400, con le FFS che copriranno la differenza. Le nuove Officine saranno attive dal 2026. 

Le prime reazioni sono evidentemente positive. Il PLR bellinzonese esulta e punge: "Malgrado le cassandre non estranee alla campagna elettorale da parte di partiti e movimenti che sembrano tifare sistematicamente contro la buona riuscita di questo e altri progetti fondamentali per il futuro della Città, la notizia secondo cui i posti di lavoro previsti saranno molti di più (“almeno 300”) rispetto a quelli indicati nell’accordo citato sopra, con profili di qualità come elettrotecnici e polimeccanici e pure ingegneri di livello universitario, non può che far piacere e permette di guardare con fiducia alla realizzazione di un nuovo stabilimento nella regione che si profili nella manutenzione dei moderni treni passeggeri. Ciò che peraltro già ci si accinge a trattare nell’attuale officina, proprio in vista di acquisire nuove commesse e riqualificare il personale che sarà trasferito nella nuova ubicazione. Nel progetto (...) il nuovo Comune e l’intera regione potranno trovare una di quelle occasioni di rilancio che la lunga coda dell’attuale pandemia imporrà di ricercare per il nostro tessuto economico".

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Attualità
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile