ticinolibero
Cronaca
25.08.21 - 16:250

Suter furioso: "Contrario al modo di agire dei nostri dittatori democraticamente eletti"

Il presidente di GastroTicino contro la possibilità dell'introduzione dell'obbligo del certificato Covid per ristoranti, bar, manifestazioni al chiuso e culturali. "Ma al museo si va una volta, a mangiare e bere quotidianamente"

BELLINZONA - "Sono contrario al modo di agire dei nostri ‘‘dittatori’’ democraticamente eletti che, per indurle a vaccinarsi, privano le persone della loro libertà individuale e del piacere di andare al ristorante e a vedere una partita di hockey": sono paroe forti quelle di Massimo Suter, presidente di GastroTicino, al CdT. 

E lancia una provocazione: "Potrei essere quello che, qualora l’obbligo venisse introdotto, aprirà il ristorante solo ai non vaccinati".

Non lo consola il fatto che anche per altri eventi, come quelli culturali, servirebbe il Covid pass. "Al ristorante e al bar la popolazione va tutti i giorni. Al museo e agli eventi invece no. La differenza sta proprio nella quotidianità del servizio".

"Perchè si insiste sempre sul concetto di ‘‘salvaguardia del sistema sanitario’’ e poi si riducono i letti in terapia intensiva, anziché incrementarli? Perché dobbiamo sempre essere noi a ‘‘calare le braghe’’?", si chiede. 

TOP NEWS Attualità
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile