ticinolibero
Cronaca
19.10.21 - 11:080

Il boom dei campeggi: in Ticino più 60%

I 24 campeggi del TCS hanno registrato un aumento di circa il 30% rispetto al 2020 e del 50% rispetto al 2019. Sta conoscendo dei grandi incrementi anche il glamping, il campeggio senza equipaggiamento personale

BERNA - TCS Camping, leader nell’offerta in questo settore con 24 campeggi in Svizzera, a fine settembre ha aumentato il numero dei pernottamenti a 940'000. Ciò equivale a una crescita del 30% rispetto all’anno precedente e del 50% rispetto al 2019. Particolarmente richiesti, gli alloggi “glamping” hanno di nuovo annunciato per settimane il tutto esaurito.

A fine settembre, malgrado un’estate a tinte fosche, con temperature fresche e pioggia, i 24 campeggi del TCS hanno registrato complessivamente 940'000 pernottamenti. Ciò rappresenta un aumento di circa il 30% rispetto al 2020 e del 50% rispetto al 2019. Tuttavia, il paragone con lo scorso anno è leggermente falsato dal fatto che, a causa del semi-confinamento, i campeggi erano stati autorizzati ad aprire i battenti soltanto il 6 giugno.

"Entro la fine dell’anno, dovremmo superare il limite del milione di pernottamenti”, ha pronosticato Olivier Grützner, responsabile di Turismo & Tempo libero presso il TCS. “Questa situazione è ancora più rallegrante se si tiene conto che alcune aree di campeggio hanno dovuto chiudere provvisoriamente a causa di inondazioni e che certi siti sono rimasti a lungo inutilizzabili”.

Durante questa estate piuttosto fresca, i più richiesti sono stati i campeggi situati nella parte meridionale del paese. Le aree di campeggio vallesane hanno registrato un aumento dei pernottamenti pari al 70% rispetto all’anno precedente e quelli del Ticino un’affluenza in crescita di circa il 60%. Nel 2021, la maggior parte degli ospiti proveniva dalla Svizzera (88%).
Sebbene abbia registrato meno prenotazioni di gruppi, il villaggio “pop-up-glamping” sull’Alp Nagens, sopra Laax, ha riscontrato una popolarità simile a quella vissuta in occasione del suo lancio nel 2019. Dopo una pausa forzata nel 2020 a causa della pandemia, questo campeggio al di sopra di Laax che si distingue per il suo comfort, ha nuovamente registrato oltre 1700 pernottamenti, nonostante un’offerta di tende ridotta. Il glamping – ossia il campeggio senza equipaggiamento personale – continua a guadagnare popolarità presso un’ampia fascia di ospiti. Come ogni anno, gli oltre 250 alloggi glamping suddivisi nei numerosi campeggi del TCS hanno annunciato per settimane il tutto esaurito.

“Nell’alta stagione, avremmo potuto affittarli più volte”, ha sottolineato Olivier Grützner. Si prevede dunque di potenziare questo segmento nel 2022. La tendenza a trascorrere vacanze nella natura e ai soggiorni spontanei resta immutata. Il vantaggio è che ognuno può pianificare la “propria” avventura personalizzata in campeggio, sia essa semplice, lussuosa o confortevole.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Attualità
© 2021 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile