ticinolibero
Politica
27.07.20 - 18:150

Sirica: "Quante segnalazioni sono giunte su persone che non rispettano la quarantena? Pratiche da stato totalitario"

“L’aspetto davvero grave dell’invito rivolto dal DSS ai ticinesi è che trasforma i cittadini in una sorta di “sceriffo” o controllore dello Stato", scrive il co-presidente del Partito Socialista

BELLINZONA – Detto, fatto. Lo aveva annunciato il profilo Fabook del PS ed oggi è Fabrizio Sirica a lanciare tre domande al Consiglio di Stato e un duro j’accuse. Non piace l’invito del DSS di segnalare casi di cittadini che non rispettano la quarantena.

“L’aspetto davvero grave dell’invito rivolto dal DSS ai ticinesi è che trasforma i cittadini in una sorta di “sceriffo” o controllore dello Stato, instaurando un clima sociale avvelenato, fatto di diffidenza e di sfiducia nel prossimo. Un atteggiamento in contrasto con la responsabilità individuale, sia del cittadino con i propri comportamenti, che nelle relazioni interpersonali”, scrive il co-presidente socialista, arrivando a dire che “sono pratiche degne di uno Stato totalitario, non certo di una democrazia liberale funzionante”.

L’invito è di revocare la richiesta, e chiede al Governo:

"1. Il Consiglio di Stato come valuta l’invito rivolto ai cittadini ticinesi di segnalare potenziali trasgressori?
2. Il Consiglio di Stato intende perpetuare tale pratica?
3. Quante segnalazioni sono giunte all’autorità di polizia? Quante sono state verificate?"

TOP NEWS Politica
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile