ticinolibero
Cronaca
04.07.22 - 12:030

Un fronte di ghiaccio e roccia che scendeva a valle a 300 chilometri all'ora. Mancano ancora 17 dispersi

Un soccorritore: "Al nostro arrivo ci siamo trovati davanti ad uno scenario pazzesco, c'erano blocchi di ghiaccio e roccia enormi dappertutto"

CANAZEI - I vigili del fuoco hanno presidiato tutta la notte con i droni la zona del crollo sulla Marmolada e in mattinata sono tornati a volare anche i droni del Soccorso alpino del Trentino. Il bilancio aggiornato è di 6 morti e 17 dispersi, oltre ad 8 feriti, due dei quali gravi. La speranza che qualcuno sia sopravvissuto è ormai ridotta al lumicino. Nel frattempo a Canazei sono arrivati due gruppi di parenti di vittime e dispersi. I corpi sono stati trasferiti al Palaghiaccio di Canazei, dove è stata allestita la camera ardente e dove i parenti, in mattinata, inizieranno il doloroso rito dei riconoscimenti dei corpi. Al momento sono 6 le vittime confermate: tre italiani, un cecoslovacco, più un uomo ed una donna non ancora identificati.

Le condizioni meteorologiche saranno determinanti per gestire l'intervento diretto dei soccorritori in quanto il freddo è fondamentale per garantire un minimo di sicurezza, visto che sulla montagna è rimasto un'enorme quantità di ghiaccio pericolante.

Per alcune vittime sarà necessario ricorrere all'esame del Dna perché alcuni corpi sono stati dilaniati. Travolti, hanno accertato i tecnici del Soccorso alpino, da una massa di materiale con un fronte di 200 metri e alta come un palazzo che è scesa a valle a 300 chilometri l'ora.

Nelle cordate coinvolte c'erano sia alpinisti italiani sia stranieri, accompagnati, secondo i testimoni, da guide alpine. Il presidente nazionale del soccorso alpino Maurizio Dellantonio parla di “evento straordinario, quella parte di ghiacciaio che è crollata era lì da centinaia di anni”.

Fra i primi soccorritori a raggiungere il ghiacciaio sotto Punta Rocca c'era Luigi Felicetti, della Val di Fassa. Racconta: “Quando ci hanno chiamato hanno detto che è venuta giù la Marmolada. Al nostro arrivo ci siamo trovati davanti ad uno scenario pazzesco, c'erano blocchi di ghiaccio e roccia enormi dappertutto, abbiamo cominciato a cercare e abbiamo trovato le prime vittime”.

Ma al di là dell’evento straordinario, diverse perplessità rimangono sull’orario scelto dagli alpinisti per scendere o addirittura per salire: erano le 13,30 e il giorno prima in vetta si erano misurati 10 gradi. Da oltre un mese le temperature sono molto elevate, con lo zero termico tra i 4.000 e i 5.000. In assenza di neve non ci sono pericoli di valanghe, ma le condizioni indicano un aumento del rischio di crolli glaciali.

Potrebbe interessarti anche
Tags
canazei
fronte
dispersi
ora
ghiaccio
roccia
chilometri
valle
val
scenario
TOP News
© 2022 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile