ticinolibero
Politica
02.10.19 - 10:550

Wicht: "Chi viene in Svizzera a cercar fortuna siete voi... noi al massimo veniamo a fare la spesa e le vacanze"

Il Consigliere comunale di Lugano furibondo per il servizio di ieri di Striscia la Notizia: "Noi siamo il terzo “datore di lavoro” a livello di numero ai cittadini italiano dopo la Repubblica e la Fiat, e questi ci vengono a “sfottere”?"

di Omar Wicht*

Il servizio di Striscia la notizia, di ieri mi ha lasciato allibito. Una giornalista o presunta tale della trasmissione, girava per le strade di Lugano facendo l’elemosina ai Ticinesi, chiedendo l’orario e “sfottendo” sul fatto che noi Ticinesi siamo messi male, non avendo neanche i soldi per l’orologio.

Su questo non la contraddisco, pure io ho venduto recentemente un orologio, ma al polso della rampante e simpaticone giornalaia non mi pareva di vedere un Cartier.

Ma ci rendiamo conto? Noi siamo il terzo “datore di lavoro” a livello di numero ai cittadini italiano dopo la Repubblica e la Fiat, e questi ci vengono a “sfottere” dicendo, che in Svizzera siamo messi male?

Aime’ fossi in loro un esamino di coscienza me lo farei, sul fatto del loro “supporto” sleale lavorativo che apportano nel nostro Cantone e mi spiego: Recentemente sono emersi, diversi casi di dumping e caporalato, dipendenti italiani che purché di lavorare in Svizzera erano disposti per anni a restituire 1000.- anche 1500.- chf al mese.

Chissà in quanto lo stanno facendo, o ancor peggio lo faranno. Tutto questo a discapito del Ticino, dei Ticinesi e della nostra dignità.

Cara Striscia la notizia, e cari Italiani, non so chi è messo peggio, ma una cosa è certa: chi viene in Svizzera a cercar fortuna siete voi... noi al massimo veniamo a fare la spesa e le vacanze.

*Consigliere comunale, Lugano

TOP NEWS Politica
© 2020 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile