ticinolibero
TiPress/Samuel Golay
Cronaca
01.12.22 - 11:440

Risparmio energetico: così Locarno affronta l’inverno

Dall’illuminazione pubblica ai comportamenti virtuosi dei dipendenti dell’amministrazione cittadina, alle associazioni sportive. L’obiettivo è di ridurre sensibilmente i consumi, sviluppando consapevolezza e una gestione delle risorse più oculata

LOCARNO - Analogamente a quanto avvenuto in altre Città e Comuni svizzeri, il Municipio di Locarno ha valutato, nelle scorse settimane, le possibili misure di risparmio energetico da applicare per l’inverno 2022-2023 per contribuire in modo sostanziale a una riduzione dei consumi energetici. Le misure toccheranno l’Amministrazione, in primis le sue collaboratrici e i suoi collaboratori, le Associazioni sportive, culturali e sociali che utilizzano gli spazi comunali, gli edifici pubblici in senso lato, con interventi volti a ottimizzare l’utilizzo delle risorse, oltre all’illuminazione pubblica, con provvedimenti mirati che garantiranno in ogni caso la necessaria sicurezza.

L’obiettivo non è solo quello di ridurre sensibilmente i consumi nell’immediato, ma anche di creare un circolo virtuoso che porti a sviluppare, nel medio e lungo termine, una maggiore consapevolezza e una gestione delle risorse più oculata.

Dal momento in cui la Città è diventata proprietaria dell’illuminazione pubblica, il Municipio ha messo in atto un risanamento complessivo di tutta la rete, commutando, in tre fasi, la quasi totalità dei punti luce con tecnologia LED. Questo ha permesso una riduzione di quasi il 50% dei consumi. Gli investimenti sono stati cospicui, ma i benefici sul medio e lungo periodo sono estremamente importanti e ben misurabili, sia finanziariamente, sia dal punto di vista ambientale. Sulla base della tecnologia installata, in collaborazione con la SES e in ossequio alle direttive cantonali espresse sul tema, sono state ora pianificate diverse misure volte al contenimento dei consumi come ad esempio: lo spegnimento dalle 23 alle 5 dell’illuminazione nelle zone discoste e prive di abitazioni, l’applicazione di una regolazione più flessibile con una riduzione progressiva dell’intensità a partire dalle 22, lo spegnimento dell’illuminazione scenografica degli edifici storici. Sono stati inoltre introdotti dei provvedimenti comportamentali per le collaboratrici e per i collaboratori dell’Amministrazione comunale, che spaziano dal limite dei 21 gradi massimi negli spazi lavorativi e di 18 gradi nelle palestre, fino ai miscelatori dei lavandini impostati esclusivamente sull’acqua fredda e così via.

In aggiunta, sono stati pianificati interventi strutturali negli edifici, come ad esempio la posa di valvole termostatiche intelligenti sui radiatori di scuole e uffici amministrativi, parzialmente già in atto dallo scorso anno, l’aumento delle temperature nei locali server, la diminuzione del ricambio d’aria notturno, ecc. Anche per ciò che concerne gli spazi assegnati ad associazioni varie per le attività sportive, gli utenti saranno chiamati a osservare misure comportamentali più attente al risparmio energetico, come limitare al massimo l’illuminazione dei campi, prediligendo le attività nella fascia diurna, scaldare gli spazi destinati agli allenamenti solo al momento del loro utilizzo e al massimo a 18 gradi e altro ancora. Non da ultimo, sarà data grande importanza alla sensibilizzazione destinata a tutti gli utilizzatori di edifici e spazi pubblici per un uso parsimonioso delle risorse energetiche. Un punto sul quale si può ancora fare molto e che porterà risultati a lungo termine.

Il Municipio crede che una presa di coscienza da parte di tutti potrà garantire un benessere generale, evitando situazioni critiche, anche se questo comporterà una leggera perdita di comfort. A questo proposito l’Esecutivo cittadino rammenta le campagne informative e di sensibilizzazione sul tema approntate sia dalla confederazione, sia dal Cantone Ticino.

Ai seguenti link si possono trovare informazioni sulla situazione attuale dell’approvvigionamento energetico in Svizzera, ma anche molti consigli pratici e utili su come ridurre i consumi, adottando semplici comportamenti che non richiedono grandi sforzi e che, se messi in pratica anche in futuro facendoli diventare un’abitudine, porteranno a sicuri benefici pure sul lungo termine:
- Campagna “Zero spreco” della Confederazione: https://www.zero-spreco.ch/it/pagina-iniziale

- Informazioni e raccomandazioni emanate dal Cantone Ticino in caso di penuria energetica: https://www4.ti.ch/generale/penuria-energetica/home

- Svizzera Energia ha inoltre elaborato diversi kit di comunicazione con mezzi pubblicitari digitali e analogici su misura per i più disparati gruppi target (Città, Comuni, amministratori di stabili, associazioni, ecc.) che si possono scaricare e stampare per l’affissione o pubblicare sul proprio sito internet: https://energie-tipps.ch/it#

Va infine ancora aggiunto che l’Esecutivo continuerà a infondere i suoi sforzi, proseguendo il cammino intrapreso a partire dal 2012 quando ha ottenuto per la prima volta la certificazione di “Città dell’energia”, adottando in seguito una lunga serie di provvedimenti per un uso ragionato e parsimonioso dell’energia e per una corretta salvaguardia dell’ambiente e delle risorse naturali.

Potrebbe interessarti anche
Tags
locarno
inverno
risparmio
illuminazione
risparmio energetico
risorse
associazioni
consumi
illuminazione pubblica
amministrazione
TOP News
© 2023 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile