ticinolibero
Cronaca
25.11.20 - 16:570
Aggiornamento: 18:02

"La jihad era un capitolo chiuso, ha agito così perchè aveva smesso di prendere i farmaci"

Ad affermarlo persone che conoscono la 28enne che ieri ha ferito due donne alla Manor di Lugano. La famiglia ha fatto sapere che si esprimerà con un comunicato congiunto con l'avvocato

LUGANO - La famiglia della 28enne che ieri ha accoltellato una persona e ne ha ferita un'altra alla Manor di Lugano ha detto al Corriere del Ticino che farà un comunicato stampa assieme all'avvocato, per smorzare le voci che si rincorrono.

La FedPol ha fornito delle indicazioni. La donna aveva cercato di partire per la Siria, si era invaghita di un combattente della Jihad, conosciuto sui social. Era finita al centro di un'indagine antiterrorismo.

Confermati anche i problemi psichici, la donna era stata ricoverata in una clinica nel 2017.

Recentemente aveva interrotto la cura farmacologica. Per chi la conosce e che ha parlato col CdT, sarebbe quella la motivazione alla base del gesto: gli ambienti legati alla jihad sarebbero stati solo un ricordo per lei.

Gli inquirenti, stando alla RSI, nella sua abitazione avrebbero trovato dei soldi e un Corano.

Potrebbe interessarti anche
Tags
lugano
jihad
farmaci
28enne
capitolo
capitolo chiuso
comunicato
avvocato
famiglia
manor
TOP News
© 2022 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile