ticinolibero
Il Blog di Don Gianfranco
06.11.22 - 11:350

L’Abbé Pierre: l’amore vince ogni paura, anche quella della morte!

Don Gianfranco Feliciani ricorda l'Abbé Pierre, instancabile ambasciatore dei diseredati nel mondo

*Di Don Gianfranco Feliciani

Ormai prossimo alla fine – si spense nel 95° anno di vita – al giornalista che gli chiedeva se aveva paura di morire, l’Abbé Pierre rispondeva con tranquilla sicurezza: “Paura della morte? No, affatto! Ho questa certezza nell’anima: quando abbiamo messo la nostra mano in quella dei poveri, sicuramente troviamo la mano di Dio nell’altra”. E la sua mano in quella dei poveri, l’Abbé Pierre durante tutta la vita, l’aveva messa davvero. Henri Antoine Grouès (il futuro Abbé Pierre) nasce a Lione il 5 agosto 1912. A sedici anni, durante una gita ad Assisi, folgorato dalla vita di san Francesco decide di farsi frate.

Entra a diciannove anni nel convento dei cappuccini di Lione, dove compie gli studi di filosofia e teologia. Lasciato nel 1939 il convento per motivi di salute, si dedica attivamente prima al salvataggio degli ebrei perseguitati dai nazisti e poi alla lotta partigiana. E qui l’Abbé Grouès diventa per tutti l’Abbé Pierre. Rientrato a Parigi dopo la guerra viene eletto deputato ed è in Parlamento che inizia la sua lotta civile in favore dei poveri. Nel 1949 accoglie in casa sua Georges, assassino, ex ergastolano, che tornato a casa graziato dopo vent’anni di lavori forzati, aveva tentato il suicidio. Nasce, da quel primo incontro, la comunità di Emmaus.

Racconta l’Abbé Pierre… “Dissi a quell’uomo: ‘Io non ho niente da darti, ma ti dico come vivo. Tento di aiutare i giovani, le famiglie in difficoltà, i senzatetto. Tu sei libero, visto che hai appena tentato di ucciderti. Se tu volessi venire ad aiutarmi per aiutare altra gente, sarebbe meraviglioso. Io non sarei più solo e noi due insieme potremmo fare molto. Non ho niente da darti, ma ho bisogno di te’. Allora la faccia di quell’uomo si trasformò e Georges venne a casa con me. Era l’inizio della comunità di Emmaus. Io, il prete deputato, e lui, il forzato scampato al suicidio, eravamo insieme, accoglievamo sempre
più persone, potevamo aiutare una famiglia dopo l’altra, sempre di più”. La comunità di Emmaus, formata da straccivendoli intenti a recuperare tutto ciò che la gente butta via, si è espansa nel mondo ed è presente anche in Ticino. Lasciato il Parlamento l’Abbé Pierre gira la Francia e il mondo per sensibilizzare tutti sui problemi più urgenti dell’umanità. Parla degli emarginati, della guerra, della fame del mondo. I potenti della terra accolgono con rispetto questo uomo umile e povero che parla d’amore e che denuncia con coraggio l’egoismo e le politiche sbagliate che generano ingiustizie scandalose.

L’Abbé Pierre, instancabile ambasciatore dei diseredati nel mondo, muore il 22 gennaio 2007. Sempre in quell’ultima intervista disse: “La morte è l’incontro con Gesù che amo e dal quale sono amato da sempre. Paura della morte? Al contrario, desiderio di morire, perché questo incontro si realizzi. Non mi giudichi male: sono molto impaziente. Trovo che la vita duri troppo”. L’amore vince tutto, anche la paura della morte!

*Arciprete di Chiasso

Potrebbe interessarti anche
Tags
quell
morte
mondo
paura
amore vince
abbé pierre
vince
amore
abbé
pierre
TOP NEWS Rubriche
© 2022 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile