ticinolibero
TiPress/Pablo Gianinazzi
Il Blog di Don Gianfranco
23.02.22 - 08:160

Don Gianfranco Feliciani: "Mentre eravamo chiusi in casa…"

"Il coronavirus è stato un drammatico e salutare campanello d’allarme che ci ha scosso fin nelle fondamenta"

di Don Gianfranco Feliciani *

Negli oscuri e interminabili giorni del “lockdown”, mentre eravamo chiusi in casa e non sapevamo come gestire la situazione, sono emersi alcuni aspetti inediti della nostra coscienza umana. Ognuno li ha vissuti a modo suo, ma in sostanza per tutti si è trattato della medesima esperienza.

Primo: l’impiego del tempo e delle cose. Ci siamo trovati di fronte al dover organizzare le nostre giornate mirando all’essenziale. Abbiamo imparato ad accontentarci di quello che siamo e possediamo, a rinunciare al superfluo e a riconoscere ciò che veramente conta nella vita. Secondo: abbiamo percepito il valore e la qualità delle relazioni con gli altri. Forse mai come in quei giorni bui ci siamo resi conto che con l’Io non si va da nessuna parte, mentre si possono vincere i problemi solo con il Noi, cioè insieme. Perché insieme ci si contagia: sia nel virus, cioè nel male, ma insieme ci si può contagiare soprattutto nel bene, nel condividere e nel farsi carico dei bisogni dell’altro. Terzo: il senso della nostra fragilità di creature umane. Questa realtà – con il terrore di essere infettati, di ammalarci, di soffrire e di morire – ha suscitato interrogativi profondi sul senso della vita. Credenti o non credenti, siamo stati tutti istintivamente ricondotti alle inevitabili domande “religiose”. Perché vivo? Da dove vengo? Che cosa ci faccio in questo mondo? Verso chi o a che cosa sto andando incontro? Esiste una vita al di là della morte? C’è qualcosa che può dare fiducia e speranza, al mio vivere? Mai come nei giorni del “lockdown” queste domande “religiose” sono diventate improvvisamente “laiche”!

Ora stiamo uscendo dal tunnel e giustamente tiriamo tutti un sospiro di sollievo, ma guai a noi se dimentichiamo la lezione e torniamo ad essere quelli di prima. Mali ancora peggiori ben presto ci piomberebbero addosso. Lo sapevamo anche prima, ma ora lo sappiamo con una evidenza stupefacente: la via sulla quale siamo incamminati, quella di una crescita tecnica ed economica infinita, senza etica e disumana, e quella di un continuo sfruttamento del creato, porta all’auto-distruzione. Il coronavirus è stato un drammatico e salutare campanello d’allarme che ci ha scosso fin nelle fondamenta. Mi vengono in mente le parole del Salmo 11 della Bibbia: “Quando sono scosse le fondamenta, il giusto che cosa può fare? Il Signore ha il trono nei cieli. I suoi occhi osservano attenti, le sue pupille scrutano l’uomo”. Soltanto con una forte consapevolezza della nostra verità esistenziale, che è quella del nostro rapporto vitale con Dio, potremo trovare il coraggio di invertire la rotta e di incamminarci su vie nuove.

* arciprete di Chiasso

Potrebbe interessarti anche
Tags
don
gianfranco
feliciani
gianfranco feliciani
don gianfranco feliciani
don gianfranco
casa
chiusi
fondamenta
campanello
TOP NEWS Rubriche
© 2022 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile