ticinolibero
Politica
22.11.22 - 15:180

Gysin: "Mondiali in Qatar, ci sono momenti in cui si deve scegliere da che parte stare"

La Consigliera Nazionale non ha dubbi: nonostante le piaccia il calcio boicotterà quelli che ritiene essere i Mondiali della vergogna, per una lunga serie di motivi. "Il mio è un segnale forse inutile ma meglio che far finta di niente"

BERNA - Mondiali da boicottare, per una vasta serie di motivi, a partire dalle condizioni di chi ha lavorato negli stadi sino all'ultima scelta di vietare le fasce da capitano ispirate all'amore omosessuale. Ne è convinta la Consigliera Nazionale Greta Gysin, che lo scrive in un post Facebook.

"Dunque. Per la prima volta della storia i mondiali si tengono nella stagione fredda. In stadi climatizzati. Costruiti da migliaia di lavoratori in condizioni di schiavitù. In piena e continua violazione dei diritti umani. In una monarchia ereditaria con poteri assoluti. Che condanna l’omosessualità. Che vieta la birra negli stadi. Che vieta la fascia arcobaleno ai capitani", scrive.

E non è finita: "Tutto questo con il beneplacito della FIFA, un’organizzazione marcia e corrotta che grazie al suo status giuridico di associazione gode in Svizzera di ampi privilegi fiscali".

Dunque, la scelta è per lei inevitabile. "Per quanto ami il calcio, per quanto mi spiaccia e costi: questi mondiali della vergogna non li seguirò. È un segnale modesto, forse inutile, ma sempre meglio che far finta di nulla. Ci sono momenti in cui bisogna scegliere da che parte stare: credo che questo sia uno di quelli".

Potrebbe interessarti anche
Tags
parte stare
qatar
stare
gysin
momenti
consigliera
finta
far finta
vergogna
consigliera nazionale
TOP News
© 2022 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile