ticinolibero
Il Blog di Don Gianfranco
14.08.22 - 09:560

Quel Dio che si fa sentire lassù in montagna…

L'Arciprete di Chiasso e l'incontro in montagna con una coppia di alpinisti 'credenti a modo loro'

di don Gianfranco Feliciani *

Scorazzando durante l’estate qua e là per le nostre belle montagne, incontro una coppia di alpinisti. Mi riconoscono, e subito dopo le presentazioni il discorso cade, ma guarda un po’, su… Dio! Si definiscono credenti a modo loro, ma confessano di far fatica a riconoscersi in una religione particolare, figuriamoci in un’istituzione come la Chiesa... Li lascio parlare e ascolto.

La domanda su Dio se la pongono, eccome, con molta serietà. D’altra parte sono attirati dal fascino misterioso della montagna e non potrebbe essere altrimenti. Ma chi è Dio? Quel fondamento di tutto che chiamiamo Dio è una fonte di luce o un abisso oscuro? È il compimento di ogni cosa o l’assurdità estrema? Com’è fatto Dio? È polivalente e bifronte come il Giano romano, o è enigmatico come la Sfinge, la strangolatrice che arreca la morte ai passanti? È imprevedibile come la dea Fortuna, la divina potenza del destino che dà benessere a pochi eletti, o è salvezza per tutti? Dio è angoscia o sicurezza? È sventura o felicità? Insomma, Dio è “per” l’uomo o “contro” l’uomo?

Come posso approdare a una risposta che mi soddisfi? Poiché perfino l’incanto della montagna, che così spesso si tramuta in disgrazia e morte, non basta a infondere serena sicurezza all’uomo. Comincio a parlare di Gesù di Nazaret e della sua “bella notizia”. Dio è “Papà”, è amore infinito capace solo di compatire e perdonare l’uomo. Questo Dio non è più il Dio teocratico dell’arbitrio o della legge: è totalmente diverso da quell’essere onnipotente e onnisciente, dittatore e centralizzatore, che porta a compimento i propri piani, non importa se con grandi o piccole “guerre sante” o con la dannazione degli avversari. Questo Dio non è come quello temuto da Marx, Nietzsche e Freud, che incute all’uomo fin dall’infanzia timori e sentimenti di colpa, e così finisce per essere soltanto la proiezione di angosce indotte, del potere
umano, dell’ambizione, della prepotenza e della brama di vendetta.

Un tale Dio può effettivamente agire come un “avvelenamento di Dio”. Il Dio che Gesù ci presenta è il Padre che gioisce più per la conversione di un solo ingiusto che per novantanove giusti, che ama di più il figlio prodigo che il figlio rimasto a casa, il pubblicano più del fariseo, gli eretici più degli ortodossi, le prostitute e gli adulteri più dei loro giudici, coloro che violano la legge più di coloro che della legge si proclamano i difensori. La narrazione che Gesù ha fatto di Dio è così rivoluzionaria, che per entrare nella luce del Vangelo è necessario diventare prima “atei”, cioè andare oltre le nostre proiezioni religiose.

I due alpinisti mi guardano alquanto stralunati. È come se sentissero parlare di Gesù per la prima volta. Ma a dire il vero è la sensazione che provo anch’io. La “bella notizia” di Gesù è sempre nuova, anche per chi l’annuncia da parecchi anni... Sempre nuova e sempre capace di sorprenderci e di metterci in questione!

*Arciprete di Chiasso
 

Potrebbe interessarti anche
Tags
dio
montagna
quel
alpinisti
gesù
credenti
coppia
incontro
chiasso
arciprete
TOP NEWS Rubriche
© 2022 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile