ticinolibero
Il Blog di Don Gianfranco
12.06.22 - 10:560

Don Feliciani cita Kant: “Dio ha dato all’uomo tre cose come rimedio ai dolori della vita: la speranza, il sonno e la risata” 

L’Arciprete di Chiasso: “Un sorriso è una boccata d’aria fresca che ci aiuta a sopravvivere. Quando mi incontro con gli ospiti delle Case anziani, in ogni momento di preghiera con loro cerco sempre di inserire qualcosa che li faccia sorridere”

di Don Gianfranco Feliciani *

 

Una delle facoltà più belle dell’uomo è quella di poter ridere. Un sorriso è sempre una boccata d’aria fresca che ci aiuta a sopravvivere, soprattutto nei momenti bui come quelli che stiamo vivendo. E che ridere faccia bene lo dice anche la biologia moderna: invece degli ormoni dello stress, adrenalina e cortisolo, il corpo rilascia gli ormoni della felicità, le endorfine, che rilassano. Tutto ci fa capire quanto sia importante interpretare la vita sul registro dello “humor”, e ci mette sulle labbra la preghiera di san Tommaso Moro: “Signore, dammi un’anima che ignori la noia, la lagna e il sospiro. Dammi lo ‘humor’, perché possa trarre qualche gioia da questa vita e dia occasione anche agli altri di approfittarne”.

Quando mi incontro con gli ospiti delle Case anziani, in ogni momento di preghiera con loro cerco sempre di inserire qualcosa che li faccia sorridere. Il Vangelo non è forse la “bella notizia” che porta la gioia? E la fede non si può spiegare anche con un po’ di “humor”? Ecco cosa ho raccontato ai miei cari vecchietti… E che gioia per me vederli ridere di gusto!

Il ragazzo Gesù, studente interno della “Scuola sant’Abramo” di Gerusalemme, rientra alla sua casa di Nazaret con il libretto scolastico. I giudizi e le note del trimestre non sono affatto lusinghieri. Maria, sua madre, che ha già visto il brutto libretto, non dice nulla, ma conserva tutte queste cose meditandole nel suo cuore. La cosa più dura da fare sarà però farlo sapere a Giuseppe. La sera, prima di cena, Maria dà la pagella da leggere a Giuseppe.

MATEMATICA – Non sa fare quasi niente, a parte la moltiplicazione dei pani e dei pesci

SCRITTURA – Non ha mai con sé il quaderno e la penna per scrivere ed è quindi costretto

a scrivere per terra sulla sabbia.

CHIMICA – Non compie gli esperimenti che gli sono richiesti e si diverte a cambiare

l’acqua in vino per far ridere i compagni.

GINNASTICA – Invece di imparare come gli altri a nuotare in piscina, lui cammina

sull’acqua.

ESPRESSIONE ORALE – Ha delle grosse difficoltà a parlare con chiarezza e a farsi

comprendere, perché si esprime sempre in parabole.

ORDINE – A scuola ha perso tutto il materiale che gli era stato consegnato, e dichiara

disinvolto che lui non ha più niente, neanche una pietra dove posare il capo.

CONDOTTA – Ha la brutta abitudine di frequentare compagnie cattive, furfanti e donne di

malaffare, e se il maestro lo rimprovera risponde dicendo che anche lui è un Maestro.

 

Papà Giuseppe, dopo la lettura della pagella è stupito e costernato. Deciso a correre ai ripari si rivolge a Gesù con queste dure parole: “Ebbene, ragazzo mio, siccome qui le cose vanno proprio male, io ti dico che quest’anno sulle tue vacanze di Pasqua puoi metterci una croce”.

 

*Arciprete di Chiasso

Potrebbe interessarti anche
Tags
don
feliciani
cose
vita
preghiera
don feliciani
kant
dio
inserire qualcosa
arciprete
TOP NEWS Rubriche
© 2022 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile