ticinolibero
TiPress/Samuele Filippi
Il Blog di Don Gianfranco
16.10.22 - 19:580

Don Feliciani: "Grazie don Valerio per la lezione di umiltà"

L'arciprete di Chiasso commenta le dimissioni di Monsignor Lazzeri e guarda al futuro: "Vorrei che si dicesse: prego perché il futuro vescovo sia un uomo così innamorato del Vangelo e dei poveri da non temere la critica e l’impopolarità"

di Don Gianfranco Feliciani*

Monsignor Valerio Lazzeri ha annunciato le sue dimissioni e con molta umiltà e schiettezza ha spiegato perché: “Dentro di me è andata crescendo una fatica interiore… Con il passare degli anni gli aspetti pubblici di rappresentanza e di governo istituzionale sono diventati per me insostenibili… La continua tensione mi ha portato interiormente sempre più lontano da quello che sono… Non era più il mio ruolo… Chiedo perdono a tutti”.

Mi sono molto commosso sentendolo confessare candidamente la sua inadeguatezza nel portare il peso della diocesi e mi sono tornate alla mente le parole di Sant’Agostino (354- 430), vescovo e dottore della Chiesa: “Per voi sono vescovo, con voi sono un cristiano”.

Alla fine un vescovo – il mandato divino non lo fa un super-uomo – rimane una pecorella del gregge come tutti, una pecorella che come tutti ha bisogno di essere sostenuta e guidata, una pecorella che come tutti può smarrirsi, e come tutti ha bisogno di essere salvata dall’unico vero Pastore della Chiesa che è il Signore Gesù. Caro vescovo Valerio, grazie per questa tua grande lezione di umiltà e di umanità che ci riconduce al Vangelo!

Nel frattempo Monsignor Alain de Raemy, vescovo ausiliare di Losanna-Friburgo, si è insediato in diocesi in qualità di “amministratore apostolico” inviato dal Papa. A lui il compito di governare la diocesi durante la “sede vacante” e di traghettare la Chiesa ticinese verso la scelta di un nuovo pastore. Ha detto durante la conferenza stampa: “Sono qui per ascoltare, aiutare, capire. Vorrei far visita a ciascuna parrocchia, anche a quelle più piccole delle valli ticinesi e avere l’occasione di parlare con tutti in totale trasparenza”.

Sento dire qua e là: il nuovo vescovo deve essere un uomo aperto, simpatico e amico di tutti. Rispondo: ci mancherebbe altro. Chi mai vorrebbe un vescovo chiuso, antipatico e dispotico? Non è qui il problema. Anche se le doti umane sono importanti, alla fine ciò che conta è la fede, la speranza e l’amore! Non mi piacciono i titoli: vescovo parroco del Ticino, vescovo del sorriso, vescovo di tutti, perché prestano il fianco a equivoci mondani. Come quando si dice che un padre di famiglia deve comportarsi con i figli da fratello e amico.

Vorrei che si dicesse: prego perché il futuro vescovo sia un uomo così innamorato del Vangelo e dei poveri da non temere la critica e l’impopolarità. L’ideale di un vescovo che piace a tutti si scontra con quel mistero della Croce che è il cuore stesso del cristianesimo. 

L’unico vero Pastore e Vescovo delle nostre anime è Gesù di Nazaret, il quale ha avuto un episcopato molto breve, tre anni appena, perché venne deposto e condannato a morte!

Potrebbe interessarti anche
Tags
don
valerio
lezione
vescovo
umiltà
feliciani
futuro
monsignor
don feliciani
vorrei
TOP NEWS Rubriche
© 2022 , All rights reserved


Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile